Donne in Iran, dall’istruzione alla rivoluzione

Le donne in Iran hanno usufruito di un processo di alfabetizzazione di massa portato avanti dal regime islamico: la rivoluzione iraniana del 1979 fu infatti all’impronta della costruzione di una nazione unitaria e l’elemento scolastico unito a quello religioso ne dovevano rappresentare i due elementi cruciali. Paradossalmente, gli ayatollah hanno dunque fornito alle donne alcuni degli strumenti attraverso i quali esse possono oggi liberarsi del potere oscurantista e misogino. Il fenomeno è descritto e analizzato dall'antropologa e giornalista Sara Hejazi nel suo libro "Iran, donne e rivolte", di cui riportiamo un estratto. Questo fenomeno è descritto e analizzato dall'antropologa e giornalista Sara Hejazi nel suo libro "Iran, donne e rivolte" (Scholé, 2023), di cui riportiamo un estratto.
Iran

I ragazzi e le ragazze che sono scesi in piazza a partire da settembre 2022 sono mossi da uno spirito cosmopolita che in fondo ha sempre caratterizzato l’Iran, fin dai tempi dell’impero persiano e in modo ininterrotto giungendo fino a oggi. Abbiamo visto come già prima della rivoluzione, che rappresenta erroneamente, nell’immaginario collettivo, il ritorno inderogabile a un passato oscuro, i pensieri e le idee si forgiassero su un sapere globale e che i giovani di allora si nutrissero di una cultura cosmopolita; dal punto di vista materiale, la circolazione delle idee avvenne in modo sempre più massiccio, proprio attraverso la circolazione dei beni: uno di questi era il petrolio, che defluiva dal Paese ma ritornava sottoforma di nuovi capitali, nuove mode e nuovi saperi. In questo senso, non solo i giovani di 45 anni fa erano già cosmopoliti e globalizzati, ma lo stesso revival della religione sciita era frutto di questo milieu culturale cosmopolita.

L’introduzione di trasporti, il collegamento del Paese attraverso nuove arterie autostradali, la scolarizzazione di massa e la produzione industriale in serie diedero una nuova linfa al cosmopolitismo già insito allora nella cultura iraniana.

Difficile, leggendo non solo i romanzi, ma anche le opere saggistiche a partire dalla seconda metà del Novecento, far stare la cultura iraniana di allora dentro angusti confini nazionali e linguistici. Insieme al petrolio, si esportavano romanzi e poesie iraniane nei circoli intellettuali parigini; il cinema iraniano veniva prodotto in India o a Berlino, ma consumato nei primi cinema delle aree urbane, a Teheran e a Shiraz.

La rivoluzione del 1979 fu quindi un prodotto di una cultura cosmopolita che cercò – attraverso la propria islamizzazione forzata – di appiattire, ripulire o ridurre il cosmopolitismo attraverso l’uso di forme coercitive che però non sortirono del tutto l’effetto desiderato.

L’Islam sciita rivoluzionario era infatti anch’esso cosmopolita, imbevuto di saperi platonici e aristotelici, reinventato e mescolato a conoscenze della tradizione sufi e della mistica islamica, infine riletto con la lente dei filosofi ed intellettuali post moderni e post coloniali europei, come si è visto nel capitolo precedente.

L’ondata di proteste iniziate nel 2022 rappresenta, quindi, il cosmopolitismo storico che non solo sopravvive, ma che oggi è più che mai determinato dalla potenza dell’iper-connessione, dello stare nella rete, dell’avere sempre più modelli (non necessariamente esclusivamente occidentali), stili di vita e aspirazioni comuni a livello globale. L’esigenza per i giovani è quella di farsi riconoscere e diventare visibili nello spazio pubblico, ma anche di aspirare a una serie di possibilità concrete per la propria vita, che sembrano esistere altrove e che si intravvedono attraverso i media, ma che in Iran sono solo un miraggio. Questi giovani aspirano a smantellare la falsa narrazione secondo la quale l’Islam al governo sarebbe la voce maggioritaria del Paese, se non l’unica voce; attualmente, il governo islamico rappresenta infatti solo una delle molteplici voci dell’Iran contemporaneo, che di fatto è una polifonia.

Stanchi delle forme …

Captagon, quella droga alleata del regime di Assad

Il captagon non è soltanto la droga sintetica più popolare tra i giovani del Nord Africa e del Medio Oriente. Essendo prodotta principalmente in Siria, i grandi introiti che ne derivano vanno a finanziare le casse del corrotto regine di Assad. Inoltre è spesso usata dai guerrieri jihadisti per abbassare le inibizioni e aumentare le prestazioni durante combattimenti e azioni militari o di guerriglia.

Le stragi non sono misteri ma segreti. Intervista a Benedetta Tobagi

È recentemente uscito per Laterza il libro di Benedetta Tobagi “Le stragi sono tutte un mistero”. L’autrice, che da anni si occupa di questo tema, ci invita a rimuovere dalle stragi la sensazionalistica etichetta di “misteri” e di apporvi quella più pertinente di “segreti”. Perché i misteri sono per loro natura inconoscibili, mentre i segreti lo sono esclusivamente per volontà di chi non vuole che siano rivelati. Proprio per questo è necessario ripercorrere quella stagione con rigore, facendosi strada nella pretestuosa confusione che la avvolge, consapevoli del fatto che oggi, anche se non tutto, sappiamo moltissimo. E che portare alla luce la verità di quei fatti non è un tema che riguarda solo gli studiosi, ma chiunque abbia a cuore le sorti della democrazia.

Né per matti né per bambini: le rivoluzioni di Franco Basaglia e Adriana Lodi

Il nome di Adriana Lodi non è conosciuto ai più. Come il più noto Franco Basaglia, negli anni Settanta del secolo scorso si fece protagonista anche lei di battaglie di civiltà controcorrente, che sfidarono la morale del tempo ma soprattutto i potentati economici, per dare dignità alla vita dei “matti” non meno che dei bambini e delle madri. Le due leggi che dobbiamo a loro, quella sulla chiusura dei manicomi e quella sull’apertura degli asili nido, hanno numerosi tratti in comune.