Per capire la crisi della democrazia bisogna smetterla di manipolare il linguaggio

La democrazia è in crisi ma nel dibattito pubblico non ci si fa carico di questa fase storica estremamente delicata. Anzi, si preferisce mistificare la realtà sostituendo i termini che definiscono i veri nodi del contendere con delle idee surrogato, che appunto spostano l'attenzione dalla effettiva natura dei problemi.
globalizzazione

Un surrogato – leggo anch’io sul vocabolario Treccani – è un “prodotto o sostanza che surroga, in quanto ha caratteristiche e proprietà analoghe, un altro prodotto o un’altra sostanza, rispetto ai quali è spesso inferiore di qualità ma meno costoso e di più facile approvvigionamento”. Il dibattito italiano, evidentemente immemore delle catastrofi umane che si succedono incessanti (guerre, femminicidi e quelli che, senza pudore, chiamiamo disastri naturali), continua a proporre idee “novecentesche” poco adatte a confrontarsi con le realtà di un millennio ancora agli esordi eppure già tragicamente rodato. E lo fa perché si tratta di concetti a buon mercato, facili da ripescare nel vecchio lemmario e da rivendere all’opinione pubblica, mettendo in atto una sorta di operazione di depistaggio se non proprio di aperta propaganda, diretta a distrarre l’attenzione dal vero tema che è quello della crisi (e delle colpe) della democrazia. Faccio due esempi.

Il primo è l’idea di patria, resuscitata nel tentativo di alimentare tra gli italiani quel senso di identità e di appartenenza, di “orgoglio nazionale”, che si ritiene abbiano perso per strada (ammesso che l’abbiano mai posseduto) e che, oggi più che mai, rappresenterebbe l’antidoto al virus della globalizzazione che, tra il resto, spinge masse incontrollate di migranti a premere ai confini dell’Italia e dell’Europa intera (migranti che, va da sé, invece di fare i patrioti a casa propria, non vedono l’ora di sostituirsi alla nostra etnia e di contaminare la nostra purissima razza ariana). Non ho mai capito come un fattore così casuale come il luogo in cui si nasce possa essere rivendicato come fondativo della propria identità; tanto meno come possa essere usato come arma (e non solo retorica) contro chi, in maniera altrettanto casuale, è nato al di là di un confine tracciato in modo più o meno arbitrario nel corso della storia dai nostri progenitori: il motto our country, right or wrong rappresenta l’archetipo di un modo ipocrita e manipolatorio di fare appello all’attaccamento che si può sviluppare nei confronti del posto in cui si è nati e cresciuti. In realtà, si può amare il proprio paese, la sua cultura e le sue tradizioni, senza doverne assecondare le ignominie. Si può difenderlo dalle aggressioni semplicemente in nome della libertà e del diritto all’autodeterminazione, valori politici che, di per sé, prescindono da qualunque appartenenza culturale per il semplice fatto che le tutelano tutte. La storia ci insegna che si può persino difendere un sistema politico democratico altrui dall’assalto dei regimi totalitari, per motivi ideali che nulla hanno a che vedere con il “patriottismo”. Il termine patria, oltretutto, è ambiguo fin nell’etimologia, in quanto sostantivazione femminile del termine “paterno”: un’indebita appropriazione di genere, potremmo dire, o un tentativo maldestro di rendere la madre comunque consustanziale al padre.

In questo caso, il termine che si vuole surrogare è civismo, da civis: cittadino; un termine dalla valenza universale perché pertiene a chiunque viva all’interno di un contesto sociale, a prescindere dalla patria di origine. Il civismo è la capacità di sentirsi appartenente a una comunità, ovunque si risieda, che si tratti del proprio luogo di nascita o di qualunque altra destinazione nella quale la vita – le vicende familiari, la ricerca di un lavoro o della salvezza – ti abbia condotto. Per riprendere un’osservazione fatta in un precedente articolo sulla deriva clanica della società, il vero dramma della nostra democrazia è la storica e diffusa incapacità di distinguere la sfera collettiva da quella privata, la pretesa di fare strame della moralità pubblica, di subordinare il servizio a favore della comunità al perseguimento degli interessi individuali o della propria cricca di riferimento. Il problema, insomma, non è la…

Prigionieri civili ucraini in Russia: un destino in bilico

Migliaia di cittadini ucraini sono stati fatti prigionieri dalle forze russe. Non possono comunicare con avvocati e familiari, non hanno possibilità di ricorrere in appello o di essere oggetto di scambi di prigionieri. Quale sarà il loro destino?

popolo kurdo manifestazione

La Turchia non smette di perseguitare il popolo kurdo

In regimi come quello turco le minoranze subiscono numerosi tipi di persecuzione, e sono costrette a vivere in povertà e in condizioni precarie. Yilmaz Orkan, responsabile di Uiki-Onlus – Ufficio di Informazione del Kurdistan in Italia, racconta in questa intervista i tanti aspetti dell’oppressione strutturale esercitata storicamente dai governi turchi nei confronti del popolo kurdo. Un’oppressione dai tratti ancora più feroci negli ultimi decenni: Erdoğan sta facendo di tutto per rendere il Kurdistan una terra invivibile.

In Uganda i profughi si sentono molto più accolti che in Europa

Un tempo l’Uganda era un Paese di transito lungo le rotte migratorie. Chi emigrava dal sud dell’Africa verso Europa e Stati Uniti non avrebbe mai immaginato di trovare lì una nuova patria. Ma grazie ad accorte politiche d’integrazione, che sostanzialmente equiparano gli stranieri ai cittadini locali, il Paese centrafricano ha costruito un sistema modello per l’accoglienza.