Questo sito non è più attivo. Per abbonarti a MicroMega o leggere i contenuti a cui sei già abbonato registrati sul nuovo sito www.micromega.net. Se sei già abbonato il tuo abbonamento continuerà a essere valido, ma è necessario registrarsi sulla nuova piattaforma per continuare ad accedere ai contenuti.

Günther Anders e la sua rinnovata attualità

Le minacce di uso dell'atomica nel contesto bellico ucraino e lo sviluppo potenzialmente incontrollato dell'Intelligenza Artificiale ci riportano a fare i conti con il pensiero del filosofo tedesco. La nostra "vergogna prometeica" e il principio disperazione generato dalla consapevolezza di poter essere annientati da ciò che noi stessi abbiamo creato, anziché renderci passivi e rassegnati, possono darci nuovi spunti per una critica vigile e un esercizio della nostra ragione adeguato alle sfide del nostro tempo.
Günther Anders

In questi ultimi mesi è tornata di attualità l’opera critica di Günther Anders, che già nel 1956 pubblicava il primo dei due volumi di L’uomo è antiquato, seguito nel 1980 dal secondo, in cui analizzava la dipendenza dell’uomo dalle macchine e la sua inadeguatezza a concorrere con la loro efficienza. La tesi di fondo è che lo sviluppo tecnologico abbia compiuto, dalla prima rivoluzione industriale in poi, un tale salto di qualità da rendere l’uomo inadatto a colmare il dislivello con le macchine e ad affrontare le trasformazioni della modernità. Al processo di totalitarismo tecnologico corrisponde la reificazione dell’uomo che da soggetto produttore diventa mero consumatore, privo di autonomia decisionale, in balia di logiche economiche da cui non riesce a emanciparsi.

L’orgoglio derivante da quella “sindrome di Prometeo” che ha spinto l’uomo a superare i propri limiti nella ricerca del dominio sugli eventi della natura, ha finito, secondo Anders, per creare un’asimmetria tra i prodotti che ha costruito e la sua stessa capacità di immaginarne la potenziale distruttività. La vergogna di essere diventato obsoleto riguardo al mondo “oggettuale” da lui stesso creato, di dover arretrare di fronte ai suoi strumenti, sempre più efficienti e funzionali, ha generato un duplice atteggiamento: da un lato un assoggettamento a qualcosa che ora si erge estraneo dinanzi a lui e dall’altro l’esaltazione acritica ed euforica per ciò che tali strumenti potrebbero ancora permettergli di fare. Lo chiarisce bene in uno dei due volumi che lo hanno reso celebre: “‘Prometeica’ chiamo però quella differenza che si manifesta quale dislivello fondamentale; cioè quel dislivello che sussiste tra la nostra ‘prestazione prometeica’, tra i prodotti fabbricati da noi, figli di Prometeo e tutte le altre prestazioni; il fatto che non siamo all’altezza del ‘Prometeo che è in noi’”.[1]

Gli eventi del Novecento, col suo carico di orrori, di guerre, di mezzi di distruzione di massa, frutto impensabile di un’esplosione scientifico-tecnologica straordinaria, hanno determinato un vero cambiamento antropologico nell’essere umano, diventato del tutto incapace di rendersi conto delle conseguenze di ciò che ha creato, generando una “cecità all’apocalisse” che lo rende di fatto irresponsabile nei riguardi del mondo e del futuro. L’uomo, così, è arrivato a costruire ciò che può “produrre la propria distruzione”,[2] incurante, in una sorta di automatismo meccanico, della minaccia incombente e obbediente alla logica dell’età contemporanea, all’ossessione consumistica per cui ciò che può essere prodotto deve essere prodotto e ovviamente ciò che può essere prodotto deve essere usato. In tal senso, le bombe atomiche sganciate in Giappone nell’agosto del 1945 rappresentano davvero una possibilità realizzata, che – e questo è il fatto tragico – non preserva dall’eventualità che possano essere riutilizzate. Proprio questa ripetibilità deve indurci a tener viva la coscienza e a vigilare costantemente perché se un evento passato è finito, non è finito il progetto, il “disegno” che l’ha permesso e che rimane disponibile alla sua volontà.

Il campo di sterminio, la distruzione indiscriminata di esseri umani e intere città, che hanno segnato la barbarie del XX secolo (con l’organizzazione tayloristica che ha supportato la “soluzione finale” e il “progetto Manhattan” alla base della costruzione della bomba atomica), rappresentano dei “punti di non ritorno” e segnano la mutazione dell’uomo novecentesco: “Gli eventi di Auschwitz e di Hiroshima possono anche essere rimossi dalla memoria (ammesso che vi siano mai penetrati), e questo di fatto è accaduto. Ma, al contrario, non può essere rimossa la loro ripetibilità”.[3] È proprio questa a rendere precario il futuro dell’umanità: avendo scoperto il proprio potere e “attualizzandolo”, concretizzandolo in oggetti che usa e che può riprodurre, l’homo faber ha iniziato a percorrere una strada da cui non può più t…

Marie Curie, donna e scienziata tra impegno e libertà

Novant’anni fa moriva Marie Curie, la più importante scienziata del Novecento. Nata in Polonia come Maria Salomea Skłodowska, assunse il nome di Marie Curie in seguito al suo trasferimento in Francia e al matrimonio con Pierre Curie, con cui condivise una straordinaria avventura umana e scientifica. Prima donna ad aver insegnato alla Sorbona e due volte premio Nobel, ha vissuto la sua vita con la convinzione dell’importanza della cultura quale fattore di miglioramento dell’individuo e della società.

Il Civil Rights Act compie sessant’anni: breve storia di un secolo di lotte

Il 2 luglio 1964 il presidente Lyndon B. Johnson firmava la legge che rendeva illegale la segregazione negli Stati Uniti. Ricordare questo evento non può che tradursi nel ripercorrere la storia del movimento per i diritti civili: dai tanti personaggi di spicco – come Martin Luther King, Rosa Parks, Angela Davis – alle persone i cui nomi sono rimasti nell’ombra ma il cui contributo è stato cruciale.

Enrico Berlinguer, conoscerne il pensiero oltre il mito depoliticizzato

Il santino propagandato da media mainstream e conosciuto dalle nuove generazioni è un Enrico Berlinguer dimezzato: ricordato per la sua capacità di creare empatia e connessione sentimentale con un “popolo della sinistra” oramai sempre più rarefatto, ma sostanzialmente depoliticizzato perché espunto da quella tradizione comunista alla quale Berlinguer si rifece, in modo innovativo e creativo, per tutta la sua esistenza, convinto che andasse cercata una via nuova al socialismo e al superamento dell’oppressione capitalistica sull’umanità e sul Pianeta.