Questo sito non è più attivo. Per abbonarti a MicroMega o leggere i contenuti a cui sei già abbonato registrati sul nuovo sito www.micromega.net. Se sei già abbonato il tuo abbonamento continuerà a essere valido, ma è necessario registrarsi sulla nuova piattaforma per continuare ad accedere ai contenuti.

Dieta alcalina, acqua alcalina: panacee o bufale commerciali?

Su rotocalchi, social e TV imperversano in questo periodo suggerimenti dietetici che promettono risultati miracolosi, sia dal punto di vista estetico, sia da quello salutistico. Per esempio la dieta alcalina. Si tratta di un ambito in cui il rischio di imbattersi in informazioni approssimative o addirittura palesemente false è elevatissimo. Ed è quindi necessario analizzare tutto quanto si legge e si ascolta con la massima attenzione e senso critico.

Una dieta che gode di una certa popolarità e alla quale sono stati dedicati numerosi libri e articoli (ahimè, anche su testate considerate “serie”) è la cosiddetta dieta alcalina. La dieta alcalina (o dieta acido-base) è basata sulla convinzione che, attraverso l’assunzione di cibi e bevande, si possa influire sul pH dei fluidi corporei (soprattutto del sangue) e che questo avrebbe effetti benefici nel prevenire e/o curare varie malattie. Il pH è la grandezza che misura l’acidità o l’alcalinità di una soluzione e che è legata alla concentrazione degli idrogenioni (H3O+) in essa presenti. Le soluzioni acide sono caratterizzate da un valore di pH inferiore a 7. Quelle neutre (come l’acqua pura) hanno pH uguale a 7. Quelle alcaline (o basiche) hanno infine valori di pH superiori a 7. Esistono vari modi per misurare il pH di una soluzione: dalle semplici cartine indicatrici universali (si confronta il colore assunto dalla cartina con un’apposita scala cromatica), fino ai pHmetri, strumenti dotati di un particolare elettrodo in grado di misurare con precisione il pH. Secondo i sostenitori della dieta alcalina, l’assunzione di cibi e bevande alcalini produrrebbe quindi un aumento del pH del sangue. Questo renderebbe l’individuo più resistente all’attacco di batteri e virus. In particolare produrrebbe una riduzione dei batteri nel tratto intestinale garantendo una maggior “efficienza” energetica (sic!). L’inventore di questa bizzarra dieta è l’americano Robert O. Young, classe 1952. Nel suo curriculum vanta due dottorati in naturopatia e nutrizione. Entrambi sono stati però rilasciati dal Clayton College of Natural Health (ex American College of Holistic Nutrition), una scuola per corrispondenza che non ha mai ricevuto alcun accreditamento da parte di nessuna agenzia riconosciuta dal Dipartimento dell’Istruzione degli Stati Uniti. Il College venne in seguito chiuso per aver truffato i propri allievi. Lo stesso Young, nel gennaio 2014, è stato arrestato per truffa, esercizio abusivo della professione medica e altri 16 capi di imputazione. A partire dal 2002 ha scritto diversi libri sui presunti benefici della dieta alcalina, acquisendo ben presto una certa notorietà a livello internazionale.

Anche senza approfondite conoscenze mediche, non ci vuole molto a capire la totale inconsistenza scientifica della dieta alcalina. Il sangue ha mediamente un pH=7.4, quindi lievemente alcalino. Se il valore diminuisse o aumentasse in modo permanente anche di poco, non potremmo sopravvivere. La maggioranza dei processi vitali non potrebbero avvenire e la morte sopraggiungerebbe nel giro di poco tempo. In realtà il nostro pH può leggermente variare per brevi periodi, senza provocare danni, però viene rapidamente riportato nella norma da una serie di meccanismi (sistema tampone) che il nostro organismo mette in atto, principalmente mediante due mezzi: la respirazione e le funzioni renali.

Se per qualche motivo il pH del sangue variasse (rispetto al valore medio di 7,4) si entrerebbe in uno stato patologico: se il pH diminuisce, si parla di «acidosi metabolica», se aumenta di «alcalosi metabolica». Entrambe sono due condizioni che, in caso non vengano rapidamente risolte, possono portare alla morte (in par…

Marie Curie, donna e scienziata tra impegno e libertà

Novant’anni fa moriva Marie Curie, la più importante scienziata del Novecento. Nata in Polonia come Maria Salomea Skłodowska, assunse il nome di Marie Curie in seguito al suo trasferimento in Francia e al matrimonio con Pierre Curie, con cui condivise una straordinaria avventura umana e scientifica. Prima donna ad aver insegnato alla Sorbona e due volte premio Nobel, ha vissuto la sua vita con la convinzione dell’importanza della cultura quale fattore di miglioramento dell’individuo e della società.

Il Civil Rights Act compie sessant’anni: breve storia di un secolo di lotte

Il 2 luglio 1964 il presidente Lyndon B. Johnson firmava la legge che rendeva illegale la segregazione negli Stati Uniti. Ricordare questo evento non può che tradursi nel ripercorrere la storia del movimento per i diritti civili: dai tanti personaggi di spicco – come Martin Luther King, Rosa Parks, Angela Davis – alle persone i cui nomi sono rimasti nell’ombra ma il cui contributo è stato cruciale.

Enrico Berlinguer, conoscerne il pensiero oltre il mito depoliticizzato

Il santino propagandato da media mainstream e conosciuto dalle nuove generazioni è un Enrico Berlinguer dimezzato: ricordato per la sua capacità di creare empatia e connessione sentimentale con un “popolo della sinistra” oramai sempre più rarefatto, ma sostanzialmente depoliticizzato perché espunto da quella tradizione comunista alla quale Berlinguer si rifece, in modo innovativo e creativo, per tutta la sua esistenza, convinto che andasse cercata una via nuova al socialismo e al superamento dell’oppressione capitalistica sull’umanità e sul Pianeta.