25 anni di Google: la parabola di Larry Page, dal garage di Menlho Park alle stelle

25 anni fa, il 4 settembre 1998, veniva fondata Google, un’azienda che avrebbe avuto un impatto enorme sulle nostre vite. Ripercorriamo la parabola del suo fondatore, Larry Page, tramutatosi da giovane Anakin Skywalker in Dart Fener. Passando dal voler “organizzare tutta l’informazione del mondo e renderla universalmente accessibile e utile” a, per usare le parole del massmediologo bielorusso Evgeny Morozov, “monetizzare tutta l’informazione del mondo, renderla redditizia e universalmente inaccessibile”.
Google

Silicon Valley ci assicura che la magia della tecnologia riempirà

ogni angolo delle nostre vite. Opporsi equivarrebbe a fare fallire

gli ideali dell’Illuminismo, con Larry Page e Mark Zuckerberg nei

panni di novelli Diderot e Voltaire in versione nerd”.

Evgeny Morozov

Google ha imparato a diventare un cartomante che

legge i dati e sostituisce la scienza all’intuizione”.

Shoshana Zuboff

Scivolando nel lato oscuro della Forza

In uno screenshot che gira sui social network, agli albori della propria avventura imprenditoriale manipolatrice di ciò che il filosofo francese Pierre Lévy definisce “l’intelligenza collettiva”, Google magnificava le virtù del proprio motore di ricerca, garantendovi l’assenza di messaggi pubblicitari e link sponsorizzati. Dunque, alla larga dal lato oscuro del business, iconicizzato nell’immagine innocente di un ragazzino dietro al quale si stagliava l’ombra minacciosa di Dart Fener, il nemico mortale dei Jedi, benevoli guardiani del lato chiaro della Forza. Quindi, l’utilizzo promozionale di un apparato simbolico ricavato da Star Wars, la saga cinematografica creata da George Lucas nel 1977, un ventennio prima dell’anno di fondazione della multinazionale di Mountain View (1998), mettendo in scena l’eterna lotta tra il bene e il male in chiave fantasy.

Verrebbe da pensare che tale scelta – rappresentare la missione aziendale come purezza incontaminata, seppure a rischio di contagi esterni – corrisponda alla proiezione di sé da parte del fondatore e leader dell’impresa, che si identifica nel piccolo Anakin Skywallker, su cui grava in permanenza la minaccia corruttrice della restaurazione oscurantista. La rappresentazione in stile hollywoodiano del predestinato a guidare una nuova epopea: Lawrence Page detto Larry, nato a Lansing (Michigan) il 26 marzo 1973 in una famiglia molto particolare, che non poteva non influenzarne nel profondo la psiche. Difatti il padre era docente universitario di informatica e la madre vantava un master in materia, oltre a insegnare programmazione e svolgere attività consulenziali sulle banche dati. Sicché il piccolo Larry racconterà di essere cresciuto tra computer e riviste scientifiche, per cui già all’età di sei anni utilizzava i PC dei genitori anche nelle sue attività scolastiche. Un enfant prodige che inizierà gradata…

Prigionieri civili ucraini in Russia: un destino in bilico

Migliaia di cittadini ucraini sono stati fatti prigionieri dalle forze russe. Non possono comunicare con avvocati e familiari, non hanno possibilità di ricorrere in appello o di essere oggetto di scambi di prigionieri. Quale sarà il loro destino?

popolo kurdo manifestazione

La Turchia non smette di perseguitare il popolo kurdo

In regimi come quello turco le minoranze subiscono numerosi tipi di persecuzione, e sono costrette a vivere in povertà e in condizioni precarie. Yilmaz Orkan, responsabile di Uiki-Onlus – Ufficio di Informazione del Kurdistan in Italia, racconta in questa intervista i tanti aspetti dell’oppressione strutturale esercitata storicamente dai governi turchi nei confronti del popolo kurdo. Un’oppressione dai tratti ancora più feroci negli ultimi decenni: Erdoğan sta facendo di tutto per rendere il Kurdistan una terra invivibile.

In Uganda i profughi si sentono molto più accolti che in Europa

Un tempo l’Uganda era un Paese di transito lungo le rotte migratorie. Chi emigrava dal sud dell’Africa verso Europa e Stati Uniti non avrebbe mai immaginato di trovare lì una nuova patria. Ma grazie ad accorte politiche d’integrazione, che sostanzialmente equiparano gli stranieri ai cittadini locali, il Paese centrafricano ha costruito un sistema modello per l’accoglienza.