Cile 1973, la regia Usa nel golpe di Pinochet è documentata (ditelo a Walter Veltroni)

Nuove carte desecretate da Washington svelano il ruolo di Cia, multinazionali e Casa Bianca nel rovesciamento di Allende. Solo Veltroni riesce a scrivere una pagina di giornale su quei giorni senza citare mai né Kissinger, né Nixon. Ma perché 50 anni dopo la vicenda cilena ci appassiona ancora e ci riguarda.

La mattina del golpe di Pinochet, il colpo di stato militare sostenuto dagli Stati Uniti in Cile, la CIA informò il Presidente Nixon che gli Ufficiali dell’Esercito cileno erano “determinati a ripristinare l’ordine politico ed economico”, ma “potrebbero ancora mancare di un piano efficacemente coordinato che capitalizzi la diffusa opposizione civile”, questo recita il President’s Daily Brief (PDB) dell’11 settembre 1973, declassificato il 25 agosto 2023 quasi 50 anni dopo la sua stesura. Tutto ciò è ora di pubblico dominio sul sito del National Security Archive, un istituto di ricerca non governativo situato nel campus della George Washington University di Washington, DC. Fondato nel 1985 per verificare la crescente segretezza del governo. All’indomani dell’arresto del generale Augusto Pinochet nell’ottobre 1998, insieme alle vittime del regime di Pinochet, l’archivio ha condotto una campagna per spingere l’amministrazione Clinton a declassificare i documenti ancora segreti sul Cile, sul colpo di Stato e sulla repressione che ne seguì. Sono stati rilasciati circa decine di migliaia di documenti dell’NSC, del Dipartimento di Stato, del Dipartimento della Difesa e della CIA.

Solo Valter Veltroni sembra ignorare il ruolo degli Usa nelle vicende cilene.

Alla vigilia del cinquantesimo anniversario del Golpe, la controversa figura di statista – da giovane leader della Fgci e poi fondatore del Pd passando per l’esperienza di vicepremier di Prodi – si interroga, dalle colonne del Corsera di domenica 10 settembre, se l’esperienza di Allende pagò lo scotto di «essersi piegato al condizionamento di forze estremiste» sposando l’idea di un diplomatico cileno convinto che il governo avrebbe dovuto includere la DC (che era un partito double face come il suo confratello italiano, con la faccia oscurantista e filo padronale molto più forte della sua anima sociale, come la DC italiana, appunto) anziché procedere con quella che definisce la !radicalizzazione del processo”. «Certo puoi vincere due volte le elezioni, ma se insisti con il socialismo, poi non ti lamentare se arriva il golpe militare. Veltroni giambrunista, il cui album di famiglia erano già allora evidentemente la Cia e Nixon», commenta sui social lo scrittore Christian Raimo.

La pubblicazio…

Captagon, quella droga alleata del regime di Assad

Il captagon non è soltanto la droga sintetica più popolare tra i giovani del Nord Africa e del Medio Oriente. Essendo prodotta principalmente in Siria, i grandi introiti che ne derivano vanno a finanziare le casse del corrotto regine di Assad. Inoltre è spesso usata dai guerrieri jihadisti per abbassare le inibizioni e aumentare le prestazioni durante combattimenti e azioni militari o di guerriglia.

Le stragi non sono misteri ma segreti. Intervista a Benedetta Tobagi

È recentemente uscito per Laterza il libro di Benedetta Tobagi “Le stragi sono tutte un mistero”. L’autrice, che da anni si occupa di questo tema, ci invita a rimuovere dalle stragi la sensazionalistica etichetta di “misteri” e di apporvi quella più pertinente di “segreti”. Perché i misteri sono per loro natura inconoscibili, mentre i segreti lo sono esclusivamente per volontà di chi non vuole che siano rivelati. Proprio per questo è necessario ripercorrere quella stagione con rigore, facendosi strada nella pretestuosa confusione che la avvolge, consapevoli del fatto che oggi, anche se non tutto, sappiamo moltissimo. E che portare alla luce la verità di quei fatti non è un tema che riguarda solo gli studiosi, ma chiunque abbia a cuore le sorti della democrazia.

Né per matti né per bambini: le rivoluzioni di Franco Basaglia e Adriana Lodi

Il nome di Adriana Lodi non è conosciuto ai più. Come il più noto Franco Basaglia, negli anni Settanta del secolo scorso si fece protagonista anche lei di battaglie di civiltà controcorrente, che sfidarono la morale del tempo ma soprattutto i potentati economici, per dare dignità alla vita dei “matti” non meno che dei bambini e delle madri. Le due leggi che dobbiamo a loro, quella sulla chiusura dei manicomi e quella sull’apertura degli asili nido, hanno numerosi tratti in comune.