La maschera e il volto, Anna Magnani a 50 anni dalla morte

Un ricordo al di là delle apparenze di Anna Magnani, che con la scena della morte della popolana in “Roma città aperta” dà inizio al cinema moderno. Con quel braccio alzato che vuole fermare il tempo che rappresenta davvero il tocco in più. Qui ne ripercorriamo la carriera e l’arte, con un focus particolare sui suoi celebri primi piani, al contempo maschere del teatro classico e volti di una donna fra tutte.

Non è facile aggiungere qualcosa alla fama, se non al mito, di Anna Magnani. Il 26 settembre 2023 cadono i 50 anni dalla morte, che sopraggiunse mentre era assistita dal figlio Luca e da Roberto Rossellini, il quale si occupò dei funerali a cui parteciparono migliaia di persone.

Riguardando oggi la sua filmografia, si ha l’impressione che Anna avrebbe potuto regalare al pubblico molto più dei 40 film – non moltissimi – che ha interpretato, compresi i ruoli secondari di inizio carriera.

La generazione successiva di dive italiane, Mangano-Bosè-Loren-Lollobrigida, non ha il volto sofferto e gli occhi scavati di Anna, incarnando piuttosto l’immagine di un’Italia che avrebbe finito di soffrire, e fa di tutto per non pensare più alle miserie della guerra e del fascismo. Sofia, Gina, Silvana e Lucia incarnano un’Italia che rinasce nel segno di una vitalità prorompente, salutare e immediata, senza più debiti da pagare alla Storia. Un diritto alla felicità piena e raggiunta, già conquistata con la fatica e il dolore, che lo sguardo di Anna invece testimonia e ricorda.

Rossellini consegna Anna immediatamente al mito: la morte della popolana Pina, falciata dai mitra nazisti in Roma città aperta (1945), segna il vero e proprio inizio del cinema moderno. Rivediamola, Anna, mentre corre. Le gambe a mulinello, il fiato trattenuto nelle grida acute e soprattutto il braccio alzato, in segno di stop, di fermata, per avere il tempo di raggiungerlo, quel desiderio di felicità che viene portato via per sempre sul camion dei deportati dove è incatenato il marito. Proprio questo, il braccio alzato, è il tocco in più. Difficile, se non impossibile, appurare se fosse spontaneo, premeditato, oppure suggerito dallo stesso Rossellini. Una cosa certa è che nessuna delle future giovani dive avrebbe sollevato il braccio in questo modo: Loren-Bosè-Lollobrigida-Mangano, tutte con le braccia bene abbassate, pronte a ripararsi al momento della caduta. Non farsi male. Per quanto sono giovani e belle. La scena è famosa. Non si vede il soldato che spara, ma il suono della raffica impro…

Cannes 2024: lontano dal red carpet, i 10 film da non perdere

Nonostante i media diano più spesso spazio a quanto avviene sul red carpet, il Festival di Cannes rimane soprattutto cinema. Un cinema fatto anche di tanti gioielli che spesso sfuggono dai radar e che proprio per questo vi segnaliamo qui, con tanto di titoli, autori, trame e trailer.

Olga Karach, riscoprire il senso della lotta bielorussa per la democrazia

Cresce il numero di persone che dalla Bielorussia di Aleksandr Lukašenka fugge all’estero, con il risultato che buona parte dell’opposizione che spera in un cambiamento democratico si trova nei Paesi baltici, in Polonia o in altre nazioni europee, da dove prosegue la lotta per il rispetto dei diritti umani e per la fine del regime. È anche il caso di Olga Karach, candidata al Nobel per la Pace e vincitrice del premio Langer, che si occupa di sostenere i disertori bielorussi e in generale la diaspora del suo popolo.