Biennale Musica, intervista alla direttrice Lucia Ronchetti

Dal 16 al 29 ottobre si svolge “Micro-Music”, titolo del 67° Festival Internazionale di Musica Contemporanea diretto da Lucia Ronchetti, compositrice di fama internazionale. Oltre a essere un personaggio peculiare e interessante di per sé, Ronchetti è la prima donna a dirigere in assoluto un festival di tale importanza e questa circostanza offre diversi spunti di riflessione che includono sì la presentazione dell’imminente rassegna ma che si spingono anche molto al di là di essa.

Mentre raggiungo Lucia Ronchetti in uno degli hotel nel centro di Venezia per un suo invito ad una prima colazione, penso alla sua predilezione per gli alberghi della città. Invece di optare per un appartamento in pianta stabile, preferisce soggiornare ogni volta in un alloggio diverso. E questo nonostante dal 2021 trascorra lunghi periodi in Laguna per preparare e dirigere uno degli eventi più significativi e prestigiosi a livello internazionale dell’universo musicale contemporaneo, la Biennale Musica.

Elettra De Salvo: Lucia, mi raccontava tempo fa che adora abitare ogni volta in una dimora veneziana diversa e mi spiegava come ciò abbia a che fare con la creatività…

Lucia Ronchetti: In ogni soggiorno veneziano sono in un albergo di una zona diversa della città: è un bellissimo rituale, un esercizio di analisi del territorio che mi riempie di emozione e anche allegria; un modo di conoscere Venezia, non solo studiandone la storia e in particolare la storia della musica attraverso libri e partiture, ma anche percorrendo costantemente diverse parti della città. Abitare a Via Garibaldi o alla Madonna dell’Orto o alle Fondamenta Zattere significa anche entrare più facilmente in contatto con gli abitanti attuali, con i personaggi storici che hanno abitato quei luoghi e con gli studiosi dei diversi aspetti storici, architettonici e geomorfologici della città. Ciò è importante da direttore artistico, per riuscire a realizzare eventi musicali più coerenti e più legati al territorio e alla storia della città.

EDS: Non mi meraviglia affatto, visto che sin dagli inizi della sua carriera si è creata case in molte parti del mondo. A cominciare da Roma, in cui è nata e dove si è diplomata in composizione e musica elettronica all’Accademia di S. Cecilia e laureata in Lettere e filosofia alla Sapienza. Seguono gli anni parigini alla Sorbonne con il DEA in Estetica e il dottorato in musicologia Parigi.

LR: Parigi è stata la mia seconda città. Ci arrivavo con il treno notturno, il Palatino, sempre allarmata dal silenzio musicale che imperava a Roma, e vi incontravo l’alba parigina e uno splendore culturale ineguagliabile: oltre che con François Lesure, ho studiato a lungo con Gérard Grisey, maestro severo, e ho frequentato il Cursus Annuel de l’IRCAM, nei sotterranei del Centro Pompidou, incontrando un altro grande compositore, Tristan Murail.

EDS: Inoltre le molte residenze e borse di studio, ne nomino solo alcune: Akademie Schloss Solitude Stoccarda, Mac Dowell Colony di Peterbourough a Boston, Forum Neues Musiktheater della Staatsoper Stuttgart, Corporation of Yaddo a New York, Akademie der Künste Berlino… Tutte nuove patrie, accasamenti, almeno per un po’. Ma è la musica il luogo dove è sempre di casa, la composizione che abita ovunque lei sia come la sua vera unica dimora in pianta stabile.

LR: Si, in realtà tutti questi spostamenti, sbalzi tellurici della mia esistenza, sono sempre stati dovuti alla ricerca di situazioni dove poter svolgere il mio lavoro di compositore senza altre incombenze, con il silenzio, la concentrazione e la serenità necessarie. E di avere uno stipendio per poter lavorare. Purtroppo, l’Italia è uno dei pochi Paesi che non offre residenze artistiche ai propri compositori, come invece Villa Massimo per i tedeschi e Villa Medici per i francesi. I compositori italiani possono presentare i propri dossier solo per le residenze internazionali senza limiti di nazionalità, dove la selezione è durissima. Sono stata fortunatissima ad essere selezionata nel 2015 dall’Artists-in-Berlin Program della Deutscher Akademischer Austauschdienst di Berlino, quale prima donna compositrice italiana e quest’anno, al Wissenschaftskolleg di Berlino, anche in questo caso prima donna compositrice italiana, succedendo a Isabel Mundry e Liza Lim. Queste due residenze hanno contribuito a…

Captagon, quella droga alleata del regime di Assad

Il captagon non è soltanto la droga sintetica più popolare tra i giovani del Nord Africa e del Medio Oriente. Essendo prodotta principalmente in Siria, i grandi introiti che ne derivano vanno a finanziare le casse del corrotto regine di Assad. Inoltre è spesso usata dai guerrieri jihadisti per abbassare le inibizioni e aumentare le prestazioni durante combattimenti e azioni militari o di guerriglia.

Le stragi non sono misteri ma segreti. Intervista a Benedetta Tobagi

È recentemente uscito per Laterza il libro di Benedetta Tobagi “Le stragi sono tutte un mistero”. L’autrice, che da anni si occupa di questo tema, ci invita a rimuovere dalle stragi la sensazionalistica etichetta di “misteri” e di apporvi quella più pertinente di “segreti”. Perché i misteri sono per loro natura inconoscibili, mentre i segreti lo sono esclusivamente per volontà di chi non vuole che siano rivelati. Proprio per questo è necessario ripercorrere quella stagione con rigore, facendosi strada nella pretestuosa confusione che la avvolge, consapevoli del fatto che oggi, anche se non tutto, sappiamo moltissimo. E che portare alla luce la verità di quei fatti non è un tema che riguarda solo gli studiosi, ma chiunque abbia a cuore le sorti della democrazia.

Né per matti né per bambini: le rivoluzioni di Franco Basaglia e Adriana Lodi

Il nome di Adriana Lodi non è conosciuto ai più. Come il più noto Franco Basaglia, negli anni Settanta del secolo scorso si fece protagonista anche lei di battaglie di civiltà controcorrente, che sfidarono la morale del tempo ma soprattutto i potentati economici, per dare dignità alla vita dei “matti” non meno che dei bambini e delle madri. Le due leggi che dobbiamo a loro, quella sulla chiusura dei manicomi e quella sull’apertura degli asili nido, hanno numerosi tratti in comune.