Israele, Hamas e la voce di Hezbollah

Al ventottesimo giorno dall’inizio della guerra tra Israele e Hamas, il leader del partito di Hezbollah Hassan Nasrallah ha aperto con un suo discorso “a ogni possibile scenario” sul fronte libanese. Ma le sue parole, nonostante la minacciosità, sono state oculatamente scelte per evitare di scatenare una escalation o una guerra su larga scala.

(TRIPOLI, Libia) Alle 3 del pomeriggio di venerdì 3 novembre, “il Sayyed” ha parlato. Le scuole e gli uffici del sud del Libano sono rimasti chiusi, in previsione di una rapida escalation di violenza che ci si aspetta ormai da settimane, e che in molti villaggi è già esplosa, sfollando già 30mila persone verso aree più sicure. Nella periferia sud di Beirut, in piazza Ashura, dagli altoparlanti risuonano i canti di guerra di Hezbollah, mentre su uno schermo gigante vengono visualizzate immagini delle operazioni dei militanti e dell’attacco di Hamas contro Israele dello scorso 7 ottobre. A destra dello schermo viene visualizzato il testo: “martiri sulla via di Gerusalemme”, mentre a sinistra sono mostrati i volti di circa 50 membri del partito uccisi dall’inizio del conflitto.

Alle tre linee rosse precedentemente annunciate dal partito come invalicabili dal nemico israeliano, pena la ritorsione da parte delle milizie filoiraniane – e cioè la distruzione di Hamas, lo sfollamento della popolazione di Gaza e la distruzione dell’enclave costiera – se ne è aggiunta una quarta: l’escalation militare al confine libanese, specialmente alla luce delle decine di miliziani morti in battaglia nelle ultime settimane, alla cui gloria il leader Nasrallah ha dedicato l’apertura dell’atteso discorso, reclamando, con toni fortemente retorici, il loro posto di “vincitori in paradiso”. Nella “sottomissione al martirio”, ha affermato, “si cela la nostra vera forza, irremovibile convinzione, di essere pronti al sacrificio”.

È la nota strategia oratoria dei discorsi di Hassan Nasrallah, abile comunicatore e veicolo di ambigui messaggi politici, spesso investiti di termini religiosi.

Aprendo alle cause che hanno portato allo scoppio dell’Operazione Al–Aqsa – e cioè i detenuti palestinesi nelle carceri israeliane, l’occupazione della città santa di Gerusalemme, l’assedio della Striscia di Gaza e l’espansione degli insediamenti illegali nella Cisgiordania occupata – e riconoscendone la giustizia e riuscita, ha affermato: “questa operazione è il risultato di una decisione e di un’esecuzione al cento percento palestinese”. Ne ribadisce, dunque, il supporto ma negando qualsiasi coinvolgimento regionale o internazionale, smentendo la teoria avanzata da molti che l’operazione fosse al servizio degli obiettivi iraniani nella regione circa i negoziati sul nucleare: “La Repubblica Islamica dell’Iran sostiene apertamente i movimenti di resistenza in Libano, Palestina e nella regione, ma non esercita il controllo sulla loro leadership”, afferma Nasrallah, rifacendosi al numero senza precedenti di miliziani uccisi come prova della genuinità e indipendenza della resistenza libanese, così …

Cannes 2024: lontano dal red carpet, i 10 film da non perdere

Nonostante i media diano più spesso spazio a quanto avviene sul red carpet, il Festival di Cannes rimane soprattutto cinema. Un cinema fatto anche di tanti gioielli che spesso sfuggono dai radar e che proprio per questo vi segnaliamo qui, con tanto di titoli, autori, trame e trailer.

Olga Karach, riscoprire il senso della lotta bielorussa per la democrazia

Cresce il numero di persone che dalla Bielorussia di Aleksandr Lukašenka fugge all’estero, con il risultato che buona parte dell’opposizione che spera in un cambiamento democratico si trova nei Paesi baltici, in Polonia o in altre nazioni europee, da dove prosegue la lotta per il rispetto dei diritti umani e per la fine del regime. È anche il caso di Olga Karach, candidata al Nobel per la Pace e vincitrice del premio Langer, che si occupa di sostenere i disertori bielorussi e in generale la diaspora del suo popolo.