“La guerra è il capitale politico di Putin”. Intervista a Irina Ščerbakova

Nonostante la sua devastante strategia nella guerra in Ucraina, e gli oltre 300 mila soldati russi sinora caduti nella cosiddetta “operazione speciale”, in Russia il potere di Vladimir Putin non accenna a vacillare. L’autocrate del Cremlino, in carica ormai da quasi 25 anni, non ha esitato a ricandidarsi ufficialmente anche per le prossime elezioni presidenziali a marzo. Su cosa si regge tanta forza? E ha un senso sperare oggi, dopo due anni di prolungati massacri in Ucraina, in trattative di pace con Putin? Alcune domande per Irina Ščerbakova, cofondatrice di Memorial Internazionale.
Irina Ščerbakova

Irina Ščerbakova è una storica e germanista russa. Cofondatrice dell’organizzazione internazionale per i diritti umani Memorial, che ha ricevuto il Premio Nobel per la pace nel 2022, dopo la chiusura e la messa fuori legge delle attività di Memorial da parte di Putin si è rifugiata in Germania, e dal 2023 vive e lavora a Berlino, dove l’abbiamo incontrata per questa intervista.

Con l’inverno, come era prevedibile, stanno aumentando gli attacchi russi nella regione del Donbass e sulle città in Ucraina. Abbiamo ormai raggiunto un punto critico nel conflitto?

Irina Ščerbakova: No, non credo. Certo, gli attacchi stanno ora aumentando in alcuni luoghi, in particolare nella regione e in alcune città strategiche del Donbas. Ma non ho affatto l’impressione che ci sarà a breve un’inversione di tendenza decisiva nel conflitto in corso. Al contrario, il maltempo e il duro inverno sono fattori che in genere impediscono le azioni di guerra. Credo dunque che nelle prossime settimane ci avvicineremo piuttosto a qualcosa di simile a un congelamento del conflitto.

Andriy Yermak, il capo dell’ufficio presidenziale ucraino, ha detto che il 2024 sarà l’anno decisivo per decidere le sorti della guerra. Nutre anche lei questa speranza?

Io spero che sia così come sostiene Yermak. Ma tutto ovviamente dipende da quanto l’Ucraina sia ancora stabile nella sua resistenza all’attacco russo e soprattutto da quanto potenziale militare abbia a disposizione. Nel frattempo infatti è chiaro a tutti che Putin può ancora contare su diverse risorse, sia economiche sia umane, per continuare questa sua guerra. Credo quindi che tutto dipenda dal sostegno militare che l’Occidente sarà ancora in grado di offrire nei mesi prossimi all’Ucraina. E in particolare dal ruolo davvero decisivo nel conflitto che l’aviazione potrebbe avere per le sorti dell’Ucraina.

Intanto, in questa situazione di conflitto prolungato o congelato, come lo definisce lei, pensa che dei negoziati di pace con il leader del Cremlino siano ancora possibili, o in certo senso auspi…

Prigionieri civili ucraini in Russia: un destino in bilico

Migliaia di cittadini ucraini sono stati fatti prigionieri dalle forze russe. Non possono comunicare con avvocati e familiari, non hanno possibilità di ricorrere in appello o di essere oggetto di scambi di prigionieri. Quale sarà il loro destino?

popolo kurdo manifestazione

La Turchia non smette di perseguitare il popolo kurdo

In regimi come quello turco le minoranze subiscono numerosi tipi di persecuzione, e sono costrette a vivere in povertà e in condizioni precarie. Yilmaz Orkan, responsabile di Uiki-Onlus – Ufficio di Informazione del Kurdistan in Italia, racconta in questa intervista i tanti aspetti dell’oppressione strutturale esercitata storicamente dai governi turchi nei confronti del popolo kurdo. Un’oppressione dai tratti ancora più feroci negli ultimi decenni: Erdoğan sta facendo di tutto per rendere il Kurdistan una terra invivibile.

In Uganda i profughi si sentono molto più accolti che in Europa

Un tempo l’Uganda era un Paese di transito lungo le rotte migratorie. Chi emigrava dal sud dell’Africa verso Europa e Stati Uniti non avrebbe mai immaginato di trovare lì una nuova patria. Ma grazie ad accorte politiche d’integrazione, che sostanzialmente equiparano gli stranieri ai cittadini locali, il Paese centrafricano ha costruito un sistema modello per l’accoglienza.