“La guerra è il capitale politico di Putin”. Intervista a Irina Ščerbakova

Nonostante la sua devastante strategia nella guerra in Ucraina, e gli oltre 300 mila soldati russi sinora caduti nella cosiddetta “operazione speciale”, in Russia il potere di Vladimir Putin non accenna a vacillare. L’autocrate del Cremlino, in carica ormai da quasi 25 anni, non ha esitato a ricandidarsi ufficialmente anche per le prossime elezioni presidenziali a marzo. Su cosa si regge tanta forza? E ha un senso sperare oggi, dopo due anni di prolungati massacri in Ucraina, in trattative di pace con Putin? Alcune domande per Irina Ščerbakova, cofondatrice di Memorial Internazionale.
Irina Ščerbakova

Irina Ščerbakova è una storica e germanista russa. Cofondatrice dell’organizzazione internazionale per i diritti umani Memorial, che ha ricevuto il Premio Nobel per la pace nel 2022, dopo la chiusura e la messa fuori legge delle attività di Memorial da parte di Putin si è rifugiata in Germania, e dal 2023 vive e lavora a Berlino, dove l’abbiamo incontrata per questa intervista.

Con l’inverno, come era prevedibile, stanno aumentando gli attacchi russi nella regione del Donbass e sulle città in Ucraina. Abbiamo ormai raggiunto un punto critico nel conflitto?

Irina Ščerbakova: No, non credo. Certo, gli attacchi stanno ora aumentando in alcuni luoghi, in particolare nella regione e in alcune città strategiche del Donbas. Ma non ho affatto l’impressione che ci sarà a breve un’inversione di tendenza decisiva nel conflitto in corso. Al contrario, il maltempo e il duro inverno sono fattori che in genere impediscono le azioni di guerra. Credo dunque che nelle prossime settimane ci avvicineremo piuttosto a qualcosa di simile a un congelamento del conflitto.

Andriy Yermak, il capo dell’ufficio presidenziale ucraino, ha detto che il 2024 sarà l’anno decisivo per decidere le sorti della guerra. Nutre anche lei questa speranza?

Io spero che sia così come sostiene Yermak. Ma tutto ovviamente dipende da quanto l’Ucraina sia ancora stabile nella sua resistenza all’attacco russo e soprattutto da quanto potenziale militare abbia a disposizione. Nel frattempo infatti è chiaro a tutti che Putin può ancora contare su diverse risorse, sia economiche sia umane, per continuare questa sua guerra. Credo quindi che tutto dipenda dal sostegno militare che l’Occidente sarà ancora in grado di offrire nei mesi prossimi all’Ucraina. E in particolare dal ruolo davvero decisivo nel conflitto che l’aviazione potrebbe avere per le sorti dell’Ucraina.

Intanto, in questa situazione di conflitto prolungato o congelato, come lo definisce lei, pensa che dei negoziati di pace con il leader del Cremlino siano ancora possibili, o in certo senso auspi…

Captagon, quella droga alleata del regime di Assad

Il captagon non è soltanto la droga sintetica più popolare tra i giovani del Nord Africa e del Medio Oriente. Essendo prodotta principalmente in Siria, i grandi introiti che ne derivano vanno a finanziare le casse del corrotto regine di Assad. Inoltre è spesso usata dai guerrieri jihadisti per abbassare le inibizioni e aumentare le prestazioni durante combattimenti e azioni militari o di guerriglia.

Le stragi non sono misteri ma segreti. Intervista a Benedetta Tobagi

È recentemente uscito per Laterza il libro di Benedetta Tobagi “Le stragi sono tutte un mistero”. L’autrice, che da anni si occupa di questo tema, ci invita a rimuovere dalle stragi la sensazionalistica etichetta di “misteri” e di apporvi quella più pertinente di “segreti”. Perché i misteri sono per loro natura inconoscibili, mentre i segreti lo sono esclusivamente per volontà di chi non vuole che siano rivelati. Proprio per questo è necessario ripercorrere quella stagione con rigore, facendosi strada nella pretestuosa confusione che la avvolge, consapevoli del fatto che oggi, anche se non tutto, sappiamo moltissimo. E che portare alla luce la verità di quei fatti non è un tema che riguarda solo gli studiosi, ma chiunque abbia a cuore le sorti della democrazia.

Né per matti né per bambini: le rivoluzioni di Franco Basaglia e Adriana Lodi

Il nome di Adriana Lodi non è conosciuto ai più. Come il più noto Franco Basaglia, negli anni Settanta del secolo scorso si fece protagonista anche lei di battaglie di civiltà controcorrente, che sfidarono la morale del tempo ma soprattutto i potentati economici, per dare dignità alla vita dei “matti” non meno che dei bambini e delle madri. Le due leggi che dobbiamo a loro, quella sulla chiusura dei manicomi e quella sull’apertura degli asili nido, hanno numerosi tratti in comune.