GKN, l’ostinazione di una lotta che può cambiare tutto

La vicenda della fabbrica GKN in Toscana è una delle “cronache operaie” di questi anni più interessanti e ricche di speranza. Da un licenziamento in tronco alla decisione, attraverso un percorso unitario tenacemente difeso dai lavoratori e dalle lavoratrici, di occupare la fabbrica e di dare vita a una nuova linea produttiva, sottratta ai meccanismi capitalistici e riorientata all’idea di bene comune e di servizio alla collettività.
GKN

Sono le ore 00:01 del 1° gennaio 2024. Stiamo brindando davanti ai cancelli della ex GKN di Campi Bisenzio in mezzo ad altre migliaia persone (cinquemila persone come picco, settemila il passaggio complessivo) che hanno scelto di essere qui in questa serata di Capodanno che è insieme protesta, concerto, barricata e veglia. 

Cantiamo la cover dei Meganoidi di Zeta Reticoli mentre seguiamo il richiamo del tamburo di Snupo, Alessandro Tapinassi, che ci invita a partire in corteo dietro allo striscione rosso con la scritta bianca INSORGIAMO, verso quello che ci auguriamo possa essere un anno nuovo e non solo un nuovo anno. Ad accompagnarci verso la mezzanotte, dal palco montato di fronte al cancello d’ingresso della fabbrica, sono state le parole del delegato RSU Dario Salvetti: “Andiamoci a prendere il futuro, smettiamo di vivere in un eterno presente senza prospettiva, proviamo a vincere in GKN per dare un esempio contagioso a questo Paese e al resto d’Europa”. 

Assemblea pubblica durante il meeting internazionale e giornata di lotta del 5 novembre 2023.

Prima di lui insieme agli operai e alle operaie, sul palco o in collegamento, ci sono stati Adelmo Cervi, Luciana Castellina, Alessandro Barbero, Vauro e David Riondino e altri attivisti e attiviste provenienti da diversi gruppi di lotta. Oltre agli interventi si sono esibiti tanti artisti, artiste e gruppi musicali introdotti da Nicola Borghesi, attore e autore, insieme a Enrico Baraldi, dello spettacolo teatrale Il Capitale. Un libro che ancora non abbiamo letto, realizzato con gli operai e le operaie della ex GKN. Si è parlato di futuro e di una fabbrica pubblica socialmente integrata che sia capace di creare convergenza, di parlare di cultura e di inserirsi “senza sgomitare” nel complesso dibattito intorno a questioni centrali della contemporaneità, quali la violenza di genere, la Palestina e i tanti temi che devono rimanere centrali nella vita di tutte e tutti. 

Questo futuro ha iniziato a prendere forma il 9 luglio 2021 quando, dopo aver ricevuto una mail di licenziamento che lasciava a casa …

Prigionieri civili ucraini in Russia: un destino in bilico

Migliaia di cittadini ucraini sono stati fatti prigionieri dalle forze russe. Non possono comunicare con avvocati e familiari, non hanno possibilità di ricorrere in appello o di essere oggetto di scambi di prigionieri. Quale sarà il loro destino?

popolo kurdo manifestazione

La Turchia non smette di perseguitare il popolo kurdo

In regimi come quello turco le minoranze subiscono numerosi tipi di persecuzione, e sono costrette a vivere in povertà e in condizioni precarie. Yilmaz Orkan, responsabile di Uiki-Onlus – Ufficio di Informazione del Kurdistan in Italia, racconta in questa intervista i tanti aspetti dell’oppressione strutturale esercitata storicamente dai governi turchi nei confronti del popolo kurdo. Un’oppressione dai tratti ancora più feroci negli ultimi decenni: Erdoğan sta facendo di tutto per rendere il Kurdistan una terra invivibile.

In Uganda i profughi si sentono molto più accolti che in Europa

Un tempo l’Uganda era un Paese di transito lungo le rotte migratorie. Chi emigrava dal sud dell’Africa verso Europa e Stati Uniti non avrebbe mai immaginato di trovare lì una nuova patria. Ma grazie ad accorte politiche d’integrazione, che sostanzialmente equiparano gli stranieri ai cittadini locali, il Paese centrafricano ha costruito un sistema modello per l’accoglienza.