La Germania e i suoi conti con la storia andati in tilt

La Germania è uno dei Paesi che più è riuscito a fare i conti con la propria storia, macchiata dagli orrori nazisti e dall’Olocausto. Ma questa nobile operazione a un certo punto è andata fuori controllo, generando una vera e propria isteria collettiva. Nessuna critica possibile a Israele ed emarginazione di chiunque sia anche solo accusato di essere antisemita, senza fornire alcuna prova a riguardo. Questo perché, ogni volta che guardano alle vicende ebraiche, i tedeschi vi vedono riflesso il proprio inestinguibile senso di colpa. Ma la rilettura della propria storia condotta solo attraverso l’autoflagellazione alla fine si rivela includente e finanche perniciosa.

Come ricordiamo le parti della nostra storia che preferiremmo dimenticare? Il rimosso e la revisione sono sempre opzioni. Pochi arriveranno fino a Ron DeSantis, che ha riformulato la schiavitù americana facendola diventare una forma di scuola commerciale, ma coloro che sono onesti noteranno il modo in cui si evolvono le loro narrazioni. Evidenziare i successi e consegnare i fallimenti all’oblio è comune quanto scrivere un curriculum. Le nazioni non sono meno propense degli individui ad abbellire il proprio passato. Gli storici possono faticare negli archivi alla ricerca di qualcosa di simile alla verità, ma la memoria collettiva è un progetto politico il cui rapporto con i fatti è più precario.

Quindi non sorprende che fino a poco tempo fa gli scolari americani imparassero a recitare l’inizio della Dichiarazione di Indipendenza senza mai apprendere che i Padri Fondatori ignorassero i diritti alla libertà degli afroamericani e i diritti alla vita dei nativi americani. La memoria collettiva è progettata per creare identità che le persone siano orgogliose di sostenere. Perché insegnare agli scolari che le realtà americane hanno violato gli ideali americani fin dall’inizio della storia del Paese se ciò può solo causare vergogna? Ma l’America non è certo l’unica a preferire una versione eroica del suo passato. Non c’è da meravigliarsi che ciò che si raccontano le nazioni metta in mostra le parti migliori della loro storia. Cresci i bambini a suon di Magna Carta e Battaglia d’Inghilterra e saranno felici di condividere la gloria della nazione britannica. Perché confonderli con le storie sull’impero? Gli scolari francesi possono essere orgogliosi di essere cittadini del Paese che ha donato al mondo la Dichiarazione dei diritti dell’uomo e del cittadino; c’è bisogno di dire loro che non è stata rispettata pochi anni dopo aver ispirato la rivoluzione di Haiti, il cui leader, Toussaint L’Ouverture, fu condannato a morte in una prigione francese?

Laddove i fallimenti nazionali sono impossibili da valorizzare e troppo grandi per essere ignorati, gli individui e le nazioni scelgono la strada del vittimismo: saremmo stati eroi se la storia non avesse calpestato i nostri sforzi. Alcune nazioni oscillano tra ricordi eroici e altri basati sull’essere stati vittime: mi vengono in mente Polonia e Israele. Ma fino a tempi molto recenti, nessuna nazione ha mai basato la propria narrazione storica sull’aver perpetrato crimini sconvolgenti per il mondo. Chi immaginerebbe che questo possa essere un modo per costruire l’identità nazionale?

Eppure negli ultimi decenni la Germania ha fatto proprio questo. È facile dire che non avesse scelta, che le atrocità della Seconda guerra mondiale invocavano l’espiazione. Ma per quarant’anni pochissimi tedeschi (occidentali) la vedevano in questo modo: coltivavano invece una narrativa che li vedeva come le principali vittime della guerra, in un modo che rispecchiava i racconti dei difensori americani della Causa Persa: abbiamo perso la guerra, le nostre città erano in rovina, i nostri uomini morti o languivano nei campi di prigionia. Eravamo affamati, riuscivamo a malapena a sopravvivere e per di più gli Yankees avevano il coraggio di incolpare noi per aver iniziato la guerra.

Questa litania non è del tutto falsa, anche se elude la prospettiva più ampia che rende tali sentimenti le disoneste e convenienti apologie che sono. Tuttavia, per comprendere non solo la Germania di oggi, ma anche il modo in cui la maggior parte degli…

Prigionieri civili ucraini in Russia: un destino in bilico

Migliaia di cittadini ucraini sono stati fatti prigionieri dalle forze russe. Non possono comunicare con avvocati e familiari, non hanno possibilità di ricorrere in appello o di essere oggetto di scambi di prigionieri. Quale sarà il loro destino?

popolo kurdo manifestazione

La Turchia non smette di perseguitare il popolo kurdo

In regimi come quello turco le minoranze subiscono numerosi tipi di persecuzione, e sono costrette a vivere in povertà e in condizioni precarie. Yilmaz Orkan, responsabile di Uiki-Onlus – Ufficio di Informazione del Kurdistan in Italia, racconta in questa intervista i tanti aspetti dell’oppressione strutturale esercitata storicamente dai governi turchi nei confronti del popolo kurdo. Un’oppressione dai tratti ancora più feroci negli ultimi decenni: Erdoğan sta facendo di tutto per rendere il Kurdistan una terra invivibile.

In Uganda i profughi si sentono molto più accolti che in Europa

Un tempo l’Uganda era un Paese di transito lungo le rotte migratorie. Chi emigrava dal sud dell’Africa verso Europa e Stati Uniti non avrebbe mai immaginato di trovare lì una nuova patria. Ma grazie ad accorte politiche d’integrazione, che sostanzialmente equiparano gli stranieri ai cittadini locali, il Paese centrafricano ha costruito un sistema modello per l’accoglienza.