Trump e le altre democrature: perché votiamo chi ci fa stare peggio

Se Trump vincerà le prossime elezioni americane la democrazia negli Stati Uniti subirà un durissimo colpo. Ma non si tratterebbe di un caso isolato perché segnali di allarme derivanti dall’arretramento democratico liberale e dalla rinascita autoritaria in altri Paesi giungono da ogni parte del globo. Ma quali sono i meccanismi che nell’ambito dell’agire politico portano gli elettori a scegliere soluzioni che portano a un peggioramento della stessa società in cui vivono? E in che modo l’affermazione perentoria di regimi autoritari li porterebbe a radicarsi ulteriormente?

“Negli Stati Uniti esiste un percorso chiaro verso la dittatura, che si accorcia ogni giorno di più. Se Trump vincerà le elezioni, diventerà immediatamente la persona più potente che abbia mai ricoperto quella carica. Pensate al potere di un uomo che si fa eleggere presidente nonostante le accuse, le apparizioni in tribunale e forse anche la condanna. Obbedirebbe a una direttiva della Corte Suprema? Un Congresso in futuro lo fermerà? E come risponderanno gli americani ai primi segni di un regime di persecuzione politica? Si ribelleranno indignati? Non contateci troppo. La dittatura di Trump non sarà una tirannia comunista, in cui quasi tutti percepiscono l’oppressione e le loro vite ne sono plasmate. Nelle tirannie conservatrici e illiberali, ci sono tutti i tipi di limitazioni delle libertà, ma è un problema per le persone soltanto nella misura in cui attribuiscono valore a quelle libertà, e molte persone non lo fanno. Il fatto che questa tirannia dipenderà interamente dai capricci di un uomo significherà che i diritti degli americani saranno condizionati anziché garantiti. Ma se la maggior parte degli americani può svolgere la propria vita quotidiana senza intoppi, potrebbe non preoccuparsi. Si è messa in moto anche una psicologia paralizzante di appeasement. A ogni stadio, il prezzo per fermare Trump è aumentato sempre di più. Ma aspettate che Trump torni al potere e il prezzo di opporsi a lui diventerà persecuzione, perdita economica e pure la perdita della libertà. Stiamo scivolando verso la dittatura, come si dice, not with a bang but a whimper, non con uno schianto ma con un piagnucolio”.[i] Trump non agisce da solo. Assistiamo a segnali di allarme derivanti dall’arretramento democratico liberale e dalla rinascita autoritaria di Paesi come India, Ungheria, Venezuela, Turchia, Argentina, mentre leader forti in Russia, Cina, Iran, Corea del Nord e Arabia Saudita sono diventati più repressivi in patria e più inseriti in reti di alleanze internazionali. L’unica democrazia araba (Tunisia) ha subito un colpo di Stato esecutivo, la più promettente democrazia africana (Ghana) si è silenziosamente deteriorata sotto il peso di una crescente corruzione e disaffezione, e potremmo continuare.[ii]

Alcuni economisti hanno offerto una spiegazione, parziale ma potente, del riemergere dei demagoghi estremisti e dei populismi, ossia dell’affermarsi della “democratura”.[iii] Secondo questi studiosi le persone tendono nella sfera politica all’ignoranza e all’irrazionalità. Questo succede perché, quando si tratta di votare e di partecipare, la conoscenza e la razionalità non sono premiate, mentre l’ignoranza e l’irrazionalità non sono punite. L’ignoranza è una mancanza di informazioni su una determinata questione. Le persone tendono a rimanere ignoranti su molte questioni di interesse generale. I sondaggi mostrano regolarmente che esse hanno una conoscenza sorprendentemente scarsa del mondo al di fuori delle loro vite personali. Ciascuna di loro, in effetti, non ha alcun incentivo a raccogliere quel tipo di informazioni: anche supponendo che i suoi costi di apprendimento siano bassi, sol…

Moneta e mercato prima del capitalismo. La lezione di Marc Bloch

Per gentile concessione dell’editore Mimesis, pubblichiamo l’introduzione al libro “Lineamenti di una storia monetaria d’Europa” di Marc Bloch, tra i massimi studiosi del Medioevo. Un gigante non solo della storiografia, ma del pensiero e della lotta per la libertà, come dimostra la sua morte per mano nazifascista.

Biennale Teatro 2024, intervista ai direttori artistici Stefano Ricci e Gianni Forte

La Biennale Teatro 2024, in programma dal 15 al 30 giugno 2024, è la quarta e ultima diretta da Stefano Ricci e Gianni Forte (in arte ricci/forte). Ripercorrere le tre precedenti edizioni da loro dirette e fornire anticipazioni su quella che si appresta a iniziare ci fornisce anche il pretesto per una riflessione a 360° sul teatro, la comunicazione e l’arte nel mondo contemporaneo.

Never forget 1984: l’India a 40 anni dal massacro sikh

Nel giugno del 1984 veniva lanciata in India contro il movimento indipendentista sikh l’operazione “Blue Star”, che portò a migliaia di morti. La reazione condusse all’omicidio del premier Indira Gandhi per mano delle sue guardie del corpo, proprio di origine sikh. Ne seguirono in tutta l’India veri e propri pogrom contro questa minoranza, verso la quale l’attuale governo indiano continua ad avere un atteggiamento ambiguo. Minoranza che ci è più vicina di quanto sembra, data la presenza in Italia di numerosi suoi membri, impiegati nel settore agricolo e in quello dell’allevamento.