Questo sito non è più attivo. Per abbonarti a MicroMega o leggere i contenuti a cui sei già abbonato registrati sul nuovo sito www.micromega.net. Se sei già abbonato il tuo abbonamento continuerà a essere valido, ma è necessario registrarsi sulla nuova piattaforma per continuare ad accedere ai contenuti.

Joe Biden nel vicolo cieco di Gaza

La guerra di Netanyahu a Gaza rappresenta una delle principali sfide di Biden, assieme elettorale e diplomatica. Se il presidente Usa non riesce a venirne a capo con una soluzione che rispetti i diritti dei palestinesi rischia di perdere il sostegno da un lato di una grossa fetta di elettorato dem, a partire da giovani e minoranze, e dall’altro degli alleati arabi in Medio Oriente.

Se c’è una questione sulla quale la presidenza di Joe Biden negli Stati Uniti si è cacciata in un vicolo cieco dal quale è difficile uscire, questa è la guerra che ha devastato Gaza a partire dai giorni immediatamente successivi alla strage del 7 ottobre dello scorso anno. La solidarietà immediata a Israele e l’avallo delle operazioni militari come si trattasse dell’unica risposta possibile sono state la prima reazione venuta da Washington all’assalto di Hamas nel Sud di Israele. Una scelta comprensibile, di quelle che si fanno con il pilota automatico (la politica tradizionale USA in Medio Oriente) e dettata anche dallo sdegno per quel massacro. Il problema per Biden è che nel suo partito e tra i suoi elettori in molti ritengono che le scelte del governo Netanyahu, un avversario de facto dei democratici e in particolare di Obama, siano inaccettabili.

A partire dalla guerra in Iraq, è già successo che tra partito istituzionale e una parte della base più militante ci siano stati strappi e forti disaccordi. Stavolta è ancora diverso: la divisione è tra la visione, figlia del XX secolo, degli internazionalisti liberali, per i quali il sostegno all’“unica democrazia del Medio Oriente” rimane un totem, e la sinistra del partito che nelle frange più radicali guarda a Israele come a uno Paese dove è in vigore una forma di apartheid e che a tratti giustifica la resistenza violenta palestinese. E qui è c’è un ulteriore problema: una sinistra che usa toni talvolta ambigui fornisce elementi da usare a quei media e a quei politici che non vogliono un cambio di rotta. Un fenomeno che conosciamo bene anche in Italia: se uno brucia una bandiera di Israele o grida qualcosa di inaccettabile sono “i pacifisti”, “gli studenti”, “i manifestanti” a diventare in blocco antisemiti.

L’arroganza del governo Netanyahu, la minaccia dell’offensiva su Rafah (o l’offensiva stessa, che al momento in cui scriviamo non c’è ancora), la paura di perdere qualsiasi influenza nella regione, hanno con il tempo spinto l’amministrazione a cambiare toni e modi.

A differenza che per le politiche sull’aborto, le infrastrutture o il debito studentesco e similarmente alle scelte (e alla retorica) sull’Ucraina, in politica estera Biden si è rivelato un uomo della sua generazione e ha reagito per mesi con schemi che probabilmente non funzionano più nemmeno per il pubblico americano in generale. Almeno questo è quel che ci raccontano molti sondaggi pre e post 7 ottobre che aiutano a spiegare il parziale cambio di linea avvenuto dopo

Marie Curie, donna e scienziata tra impegno e libertà

Novant’anni fa moriva Marie Curie, la più importante scienziata del Novecento. Nata in Polonia come Maria Salomea Skłodowska, assunse il nome di Marie Curie in seguito al suo trasferimento in Francia e al matrimonio con Pierre Curie, con cui condivise una straordinaria avventura umana e scientifica. Prima donna ad aver insegnato alla Sorbona e due volte premio Nobel, ha vissuto la sua vita con la convinzione dell’importanza della cultura quale fattore di miglioramento dell’individuo e della società.

Il Civil Rights Act compie sessant’anni: breve storia di un secolo di lotte

Il 2 luglio 1964 il presidente Lyndon B. Johnson firmava la legge che rendeva illegale la segregazione negli Stati Uniti. Ricordare questo evento non può che tradursi nel ripercorrere la storia del movimento per i diritti civili: dai tanti personaggi di spicco – come Martin Luther King, Rosa Parks, Angela Davis – alle persone i cui nomi sono rimasti nell’ombra ma il cui contributo è stato cruciale.

Enrico Berlinguer, conoscerne il pensiero oltre il mito depoliticizzato

Il santino propagandato da media mainstream e conosciuto dalle nuove generazioni è un Enrico Berlinguer dimezzato: ricordato per la sua capacità di creare empatia e connessione sentimentale con un “popolo della sinistra” oramai sempre più rarefatto, ma sostanzialmente depoliticizzato perché espunto da quella tradizione comunista alla quale Berlinguer si rifece, in modo innovativo e creativo, per tutta la sua esistenza, convinto che andasse cercata una via nuova al socialismo e al superamento dell’oppressione capitalistica sull’umanità e sul Pianeta.