La strage di Columbine, 25 anni dopo: come il diritto alimenta la cultura armata negli Stati Uniti

Dal 20 aprile 1999 quando ci fu la strage di Columbine a oggi, abbiamo assistito a un pauroso crescendo di violenza omicida fra gli adolescenti negli USA; alimentata da un diritto che non solo si rivela incapace di porre seri ostacoli all’uso delle armi – anche da guerra - da parte di giovani esaltati, problematici, sofferenti o semplicemente imbevuti di gun culture, ma che al contrario avalla con forza l’idea che le armi significhino libertà, possibilità di difendersi e, in fondo, essere dei veri americani.

Il 20 aprile 1999 il diciottenne Eric Harris e il diciassettenne Dylan Klebold, due studenti dell’ultimo anno della Columbine High School, in Colorado, scioccano l’America e il mondo intero per l’efferatezza con cui uccidono un insegnante e dodici loro compagni di scuola, ne feriscono altri ventuno e poi si tolgono la vita nella biblioteca della scuola. È l’attacco premeditato, all’interno del proprio liceo, di due ragazzi che usano una pistola semi-automatica avuta da un conoscente, e poi due fucili a canne mozze e una carabina legalmente acquistate per loro da un’amica diciottenne, per compiere un vero e proprio massacro. La normativa federale – cui all’epoca la legge del Colorado si adeguava – consentiva l’acquisto di armi dai privati, nelle fiere oppure online, senza alcun controllo preventivo sull’acquirente e, in caso di fucili o carabine, senza alcun limite relativo all’età di coloro che ne avrebbero poi preso possesso. Era stato incredibilmente facile, per Eric e Dylan, procurarsi le armi della mattanza.

Da quel giorno sono passati 25 anni, nel corso dei quali tanti altri ragazzi armati hanno realizzato imprese altrettanto o perfino più strazianti in altrettante scuole, sovente ispirandosi proprio a quell’eccidio. Già solo un mese dopo, il quindicenne TJ Solomon emulava Eric e Dylan dando vita a una sparatoria nell’Heritage High School a Conyers, in Georgia, che culminava con 6 feriti. Tante altre mattanze dovevano susseguirsi sull’onda dell’imitazione di quanto avvenuto quel 20 aprile del 1999. La pervasività del così detto “effetto Columbine” è stata, infatti, talmente imponente che le stragi nelle scuole americane sono oggi diventate parte della quotidianità e non fanno quasi più notizia. Everytown, un’organizzazione che mira a limitare il fenomeno, ha contato ben 720 conflitti a fuoco nelle scuole americane fra il 2013 e il 2022, mentre nel solo 2024, alla metà di aprile, le sparatorie a scuola hanno già raggiunto il numero di 50, con 16 morti e 35 feriti).

Gli unici riportati dai media nazionali e internazionali sono ormai quei casi di massacri scolastici che superano in atrocità il “modello” originario di Columbine. Fu così per la strage della Sandy Hook Elementary School del dicembre 2012, a Newtown in Connecticut, quando il ventenne Adam Lanza, equipaggiato con un fucile d’assalto e varie altre armi di proprietà della madre, dopo aver ammazzato quest’ultima, fece come da copione irruzione nella scuola elementare della città uccidendo 20 bimbi fra i sei e i sette anni e 6 adulti, per poi togliersi la vita. O l’eccidio della Marjory Stoneman Douglas High School a Parkland in Florida nel febbraio 2018, quando  il diciannovenne Nikolas Cruz scaricò il suo fucile d’assalto – legalmente acquistato da lui stesso un anno prima – sugli …

Cannes 2024: lontano dal red carpet, i 10 film da non perdere

Nonostante i media diano più spesso spazio a quanto avviene sul red carpet, il Festival di Cannes rimane soprattutto cinema. Un cinema fatto anche di tanti gioielli che spesso sfuggono dai radar e che proprio per questo vi segnaliamo qui, con tanto di titoli, autori, trame e trailer.

Olga Karach, riscoprire il senso della lotta bielorussa per la democrazia

Cresce il numero di persone che dalla Bielorussia di Aleksandr Lukašenka fugge all’estero, con il risultato che buona parte dell’opposizione che spera in un cambiamento democratico si trova nei Paesi baltici, in Polonia o in altre nazioni europee, da dove prosegue la lotta per il rispetto dei diritti umani e per la fine del regime. È anche il caso di Olga Karach, candidata al Nobel per la Pace e vincitrice del premio Langer, che si occupa di sostenere i disertori bielorussi e in generale la diaspora del suo popolo.