Questo sito non è più attivo. Per abbonarti a MicroMega o leggere i contenuti a cui sei già abbonato registrati sul nuovo sito www.micromega.net. Se sei già abbonato il tuo abbonamento continuerà a essere valido, ma è necessario registrarsi sulla nuova piattaforma per continuare ad accedere ai contenuti.

In arrivo il piano nazionale per l’energia e il clima: perché è importante

Il varo del nuovo Piano Nazionale Integrato per l’Energia e il Clima (PNIEC) ci permette di fare il punto della situazione sulla transizione ecologica in Italia. I fatti ci dicono che il Paese è ancora troppo dipendente dal gas, su cui punta sempre più a dispetto della necessità di ridurne drasticamente l'uso, ponendosi da questo punto di vista in netta controtendenza rispetto al resto d'Europa. Il PNIEC è un'occasione per indirizzare il futuro del nostro Paese e il dibattito intorno ad esso deve essere il più possibile pubblico, anche per evitare le manovre nell'ombra da parte di Eni.
energia

Entro giugno 2023 è atteso l’invio alla Commissione Europea da parte del Ministero dell’ambiente e della sicurezza energetica del nuovo Piano Nazionale Integrato per l’Energia e il Clima (PNIEC), per cui sono ora in corso le consultazioni pubbliche. Si tratta di un documento molto importante perché fissa, tra le altre cose, gli obiettivi che l’Italia dovrà raggiungere entro il 2030 in termini di riduzione delle emissioni climalteranti e quota di energia prodotta da fonti rinnovabili.

La versione precedente del documento conteneva gli obiettivi da raggiungere (conseguiti con successo) entro il 2020. Da allora però molte cose sono accadute e la Commissione Europea ha diverse volte spostato più in alto l’asticella: prima con il Green Deal Europeo e con il pacchetto Fit For 55, che mira a ridurre del 55% le emissioni del Vecchio Continente entro fine decennio, in vista delle zero emissioni nette al 2050; poi con RePowerEU, il piano europeo di uscita dalla dipendenza dal gas russo all’indomani dell’invasione dell’Ucraina da parte dell’esercito di Putin.

Il nuovo PNIEC dovrà integrare tutte i nuovi ambiziosi obiettivi che l’Europa si è data, partendo da una situazione che in Italia negli ultimi anni è stata piuttosto in stallo. Un rapporto pubblicato dalla IEA, l’Agenzia Internazionale dell’Energia, a maggio 2023 ha fatto il punto sulla situazione energetica del Bel Paese. Nonostante le vaste risorse naturali adatte alle rinnovabili e a una base industriale che possa guidare l’abbandono delle fonti fossili – scrive la IEA nel rapporto – lo sfruttamento da parte dell’Italia delle tecnologie per le energie pulite è rimasto relativamente lento nel corso dell’ultimo decennio.

La generazione di elettricità da rinnovabili è più che raddoppiata tra il 2005 e il 2020, ma la maggior parte di tale processo si è verificata in un periodo di 5 anni (2010-2014) con la presenza di una spinta che veniva dai generosi incentivi per il fotovoltaico. Da allora, lunghe procedure autorizzative, alti costi amministrativi, questioni legate alla disponibilità di terreni e opposizioni locali hanno ostacolato nuove installazioni. Riforme avanzate durante il 2022 e l’adozione pianificata di una nuova cornice normativa stanno ora affrontando questi colli di bottiglia, ma restano molti gli ostacoli da superare, avverte la IEA.

“Accelerare l’impiego delle rinnovabili e di altre tecnologie pulite, mentre si rafforza l’efficienza energetica, sarà essenziale per fare progressi maggiori sul fronte della sicurezza energetica e della decarbonizzazione allo stesso tempo” ha dichiarato il direttore esecutivo della IEA Fatih Birol.

Ad oggi l’Italia resta pesantemente dipendente dal gas naturale, s…

Marie Curie, donna e scienziata tra impegno e libertà

Novant’anni fa moriva Marie Curie, la più importante scienziata del Novecento. Nata in Polonia come Maria Salomea Skłodowska, assunse il nome di Marie Curie in seguito al suo trasferimento in Francia e al matrimonio con Pierre Curie, con cui condivise una straordinaria avventura umana e scientifica. Prima donna ad aver insegnato alla Sorbona e due volte premio Nobel, ha vissuto la sua vita con la convinzione dell’importanza della cultura quale fattore di miglioramento dell’individuo e della società.

Il Civil Rights Act compie sessant’anni: breve storia di un secolo di lotte

Il 2 luglio 1964 il presidente Lyndon B. Johnson firmava la legge che rendeva illegale la segregazione negli Stati Uniti. Ricordare questo evento non può che tradursi nel ripercorrere la storia del movimento per i diritti civili: dai tanti personaggi di spicco – come Martin Luther King, Rosa Parks, Angela Davis – alle persone i cui nomi sono rimasti nell’ombra ma il cui contributo è stato cruciale.

Enrico Berlinguer, conoscerne il pensiero oltre il mito depoliticizzato

Il santino propagandato da media mainstream e conosciuto dalle nuove generazioni è un Enrico Berlinguer dimezzato: ricordato per la sua capacità di creare empatia e connessione sentimentale con un “popolo della sinistra” oramai sempre più rarefatto, ma sostanzialmente depoliticizzato perché espunto da quella tradizione comunista alla quale Berlinguer si rifece, in modo innovativo e creativo, per tutta la sua esistenza, convinto che andasse cercata una via nuova al socialismo e al superamento dell’oppressione capitalistica sull’umanità e sul Pianeta.