Bruce Lee, cosa resta della sua eredità culturale a 50 anni dalla morte

A mezzo secolo dalla sua scomparsa, cosa resta del divo e campione cinese oltre ai suoi film sul kung fu? "Be water", era il motto di Bruce Lee, secondo cui siamo acqua che tutto penetra. Ma si può penetrare oggi tra le maglie dell'identità a tutti i costi, che sempre meno spazio lascia alla mutazione?
Bruce Lee

In Italia, la moda del cinema di kung fu non ha inizio con Bruce Lee, ma con un piccolo film intitolato Cinque dita di violenza, del 1972, subito famoso perché l’eroe con un colpo secco della mano trafigge i bulbi oculari del nemico. Altrettanto celebre diventerà il colpo corrispondente a difesa, con la mano rigida di taglio all’altezza del naso, per parare e respingere il tentativo di accecamento. Poi arriva Bruce Lee, e sopraggiunge subito la parodia con Franchi e Ingrassia, Ku fu? dalla Sicilia con furore, di Nando Cicero, del 1973.

Nelle periferie delle città italiane, accanto alle storiche palestre di boxe, e qualche scuola di judo o karate giapponese, iniziano a crescere come funghi i centri di addestramento di kung fu, dove la gioventù, di destra ma non solo, trova un ottimo esercizio fisico, una tecnica di combattimento e soprattutto una vera e propria filosofia dell’esistenza. Il motto dello stesso Bruce Lee, Be Water, è la sintesi della visione cinese della vita: l’acqua appare la cosa più fragile di tutte, ma è anche quella che con pazienza e perseveranza riesce ad abbattere qualsiasi ostacolo. Penetra ovunque. La disciplina dell’autocontrollo delle risorse del proprio corpo irrompe nell’immaginario italiano, e non solo. La gioventù si attrezza a sostenere il peso della vita. Si traccia un solco profondo tra apparenza e sostanza. Giovani individui apparentemente miti ed innocui sono in grado di sprigionare un’energia tale da spaccare i mattoni.

La prima cosa che adesso si osserva nell’interlocutore sono le nocche delle mani: se la pelle è secca e ridotta a un callo, è necessario fare attenzione a come si parla e ci si comporta. Chi si ha di fronte potrebbe infatti esplodere all’istante.

La figura di Bruce Lee, al di là dei film e dello spettacolo, rappresenta anche tutto questo. Se il malvivente comune ha l’obbligo di intimorire con il proprio aspetto, se deve spaventare a vista, il cultore di kung fu, l’emulo di Bruce Lee, è invece un Signor Nessuno. Anzi, nemmeno si nota, tanto è apparentemente dimesso. Nei film, specialmente i primi, a partire da Dalla Cina con furore, Bruce Lee viene spesso umiliato e sbeffeggiato dai cattivi, tanto il suo aspetto né preoccupa né allarma. Qualcosa di simile nel primissimo Clint Eastwood di Per un pugno di dollari, che Sergio Leone ha ripreso da un film giapponese di Akira Kurosawa, Jojimbo: vestito di un poncho dai fregi a labirinto (che lo stesso Leone dichiara di aver rubato a Goldoni e al suo Arlecchino servitore di due padroni), lo straniero di Eastwood è rigido e bloccato al sigaro che mastica per l’eter…

Prigionieri civili ucraini in Russia: un destino in bilico

Migliaia di cittadini ucraini sono stati fatti prigionieri dalle forze russe. Non possono comunicare con avvocati e familiari, non hanno possibilità di ricorrere in appello o di essere oggetto di scambi di prigionieri. Quale sarà il loro destino?

popolo kurdo manifestazione

La Turchia non smette di perseguitare il popolo kurdo

In regimi come quello turco le minoranze subiscono numerosi tipi di persecuzione, e sono costrette a vivere in povertà e in condizioni precarie. Yilmaz Orkan, responsabile di Uiki-Onlus – Ufficio di Informazione del Kurdistan in Italia, racconta in questa intervista i tanti aspetti dell’oppressione strutturale esercitata storicamente dai governi turchi nei confronti del popolo kurdo. Un’oppressione dai tratti ancora più feroci negli ultimi decenni: Erdoğan sta facendo di tutto per rendere il Kurdistan una terra invivibile.

In Uganda i profughi si sentono molto più accolti che in Europa

Un tempo l’Uganda era un Paese di transito lungo le rotte migratorie. Chi emigrava dal sud dell’Africa verso Europa e Stati Uniti non avrebbe mai immaginato di trovare lì una nuova patria. Ma grazie ad accorte politiche d’integrazione, che sostanzialmente equiparano gli stranieri ai cittadini locali, il Paese centrafricano ha costruito un sistema modello per l’accoglienza.