Bruce Lee, cosa resta della sua eredità culturale a 50 anni dalla morte

A mezzo secolo dalla sua scomparsa, cosa resta del divo e campione cinese oltre ai suoi film sul kung fu? "Be water", era il motto di Bruce Lee, secondo cui siamo acqua che tutto penetra. Ma si può penetrare oggi tra le maglie dell'identità a tutti i costi, che sempre meno spazio lascia alla mutazione?
Bruce Lee

In Italia, la moda del cinema di kung fu non ha inizio con Bruce Lee, ma con un piccolo film intitolato Cinque dita di violenza, del 1972, subito famoso perché l’eroe con un colpo secco della mano trafigge i bulbi oculari del nemico. Altrettanto celebre diventerà il colpo corrispondente a difesa, con la mano rigida di taglio all’altezza del naso, per parare e respingere il tentativo di accecamento. Poi arriva Bruce Lee, e sopraggiunge subito la parodia con Franchi e Ingrassia, Ku fu? dalla Sicilia con furore, di Nando Cicero, del 1973.

Nelle periferie delle città italiane, accanto alle storiche palestre di boxe, e qualche scuola di judo o karate giapponese, iniziano a crescere come funghi i centri di addestramento di kung fu, dove la gioventù, di destra ma non solo, trova un ottimo esercizio fisico, una tecnica di combattimento e soprattutto una vera e propria filosofia dell’esistenza. Il motto dello stesso Bruce Lee, Be Water, è la sintesi della visione cinese della vita: l’acqua appare la cosa più fragile di tutte, ma è anche quella che con pazienza e perseveranza riesce ad abbattere qualsiasi ostacolo. Penetra ovunque. La disciplina dell’autocontrollo delle risorse del proprio corpo irrompe nell’immaginario italiano, e non solo. La gioventù si attrezza a sostenere il peso della vita. Si traccia un solco profondo tra apparenza e sostanza. Giovani individui apparentemente miti ed innocui sono in grado di sprigionare un’energia tale da spaccare i mattoni.

La prima cosa che adesso si osserva nell’interlocutore sono le nocche delle mani: se la pelle è secca e ridotta a un callo, è necessario fare attenzione a come si parla e ci si comporta. Chi si ha di fronte potrebbe infatti esplodere all’istante.

La figura di Bruce Lee, al di là dei film e dello spettacolo, rappresenta anche tutto questo. Se il malvivente comune ha l’obbligo di intimorire con il proprio aspetto, se deve spaventare a vista, il cultore di kung fu, l’emulo di Bruce Lee, è invece un Signor Nessuno. Anzi, nemmeno si nota, tanto è apparentemente dimesso. Nei film, specialmente i primi, a partire da Dalla Cina con furore, Bruce Lee viene spesso umiliato e sbeffeggiato dai cattivi, tanto il suo aspetto né preoccupa né allarma. Qualcosa di simile nel primissimo Clint Eastwood di Per un pugno di dollari, che Sergio Leone ha ripreso da un film giapponese di Akira Kurosawa, Jojimbo: vestito di un poncho dai fregi a labirinto (che lo stesso Leone dichiara di aver rubato a Goldoni e al suo Arlecchino servitore di due padroni), lo straniero di Eastwood è rigido e bloccato al sigaro che mastica per l’eter…

Captagon, quella droga alleata del regime di Assad

Il captagon non è soltanto la droga sintetica più popolare tra i giovani del Nord Africa e del Medio Oriente. Essendo prodotta principalmente in Siria, i grandi introiti che ne derivano vanno a finanziare le casse del corrotto regine di Assad. Inoltre è spesso usata dai guerrieri jihadisti per abbassare le inibizioni e aumentare le prestazioni durante combattimenti e azioni militari o di guerriglia.

Le stragi non sono misteri ma segreti. Intervista a Benedetta Tobagi

È recentemente uscito per Laterza il libro di Benedetta Tobagi “Le stragi sono tutte un mistero”. L’autrice, che da anni si occupa di questo tema, ci invita a rimuovere dalle stragi la sensazionalistica etichetta di “misteri” e di apporvi quella più pertinente di “segreti”. Perché i misteri sono per loro natura inconoscibili, mentre i segreti lo sono esclusivamente per volontà di chi non vuole che siano rivelati. Proprio per questo è necessario ripercorrere quella stagione con rigore, facendosi strada nella pretestuosa confusione che la avvolge, consapevoli del fatto che oggi, anche se non tutto, sappiamo moltissimo. E che portare alla luce la verità di quei fatti non è un tema che riguarda solo gli studiosi, ma chiunque abbia a cuore le sorti della democrazia.

Né per matti né per bambini: le rivoluzioni di Franco Basaglia e Adriana Lodi

Il nome di Adriana Lodi non è conosciuto ai più. Come il più noto Franco Basaglia, negli anni Settanta del secolo scorso si fece protagonista anche lei di battaglie di civiltà controcorrente, che sfidarono la morale del tempo ma soprattutto i potentati economici, per dare dignità alla vita dei “matti” non meno che dei bambini e delle madri. Le due leggi che dobbiamo a loro, quella sulla chiusura dei manicomi e quella sull’apertura degli asili nido, hanno numerosi tratti in comune.