Iran, un anno di rivoluzione

È passato un anno dallo scoppio della rivoluzione in Iran per la morte della giovanissima Mahsa Jina Amini, arrestata dalla polizia morale perché "malvelata". Quel velo che ancora oggi è per il governo il pilastro della Repubblica islamica. Un simbolo che ormai è diventato il catalizzatore di una lotta locale nell'alveo di un contesto globale, in una fase di interregno gramsciano.

Labili confini

È passato un anno dall’inizio di quel violentissimo ciclo di proteste soffocate nel sangue che hanno scosso l’Iran per tutto l’autunno del 2022 e la prima parte del 2023. A scatenarle era stata la morte di Mahsa Amini, una giovane donna curda iraniana di 22 anni, che era stata arrestata dalla polizia morale solo due giorni prima, perché malvelata.

Con la parola “malvelata”– in persiano badhejabi – si intende una miriade di cose diverse. È badhejabi chi non copre in modo appropriato i capelli, chi indossa un soprabito troppo attillato o colorato, chi è truccata, chi indossa pantaloni che lasciano scoperte le caviglie, chi ha lo smalto  appariscente, chi i tacchi a spillo… Quando si tratta del corpo femminile, infatti, il confine tra ciò che è troppo o troppo poco è totalmente a discrezione di chi guarda. E chi guarda, in Iran, ha anche un ruolo pubblico: quello di sorvegliare la morale e i costumi delle persone per le strade. Per questo, si può essere arrestate per un velo che lascia intravvedere i capelli, oppure per vestiti troppo appariscenti che non hanno nulla a che fare col velo.

In ogni caso, il confine tra ciò che è badhejabi e ciò che non lo è, ciò che è tollerato e ciò che è sanzionato, è frutto di un costante processo di negoziazione per le strade iraniane, quasi sempre assolutamente casuale.

Faccio un esempio personale: scesa all’aeroporto di Teheran nel luglio del 2022 mi sono accorta che erano tantissime le donne che non indossavano più il velo.  Erano tre anni che non tornavo in Iran e la cosa mi aveva sorpresa. Ho pensato quindi che il velo si potesse togliere e l’ho fatto. Ma dopo qualche giorno sono stata ripresa per essere badhejabi da tre guardiane: tre donne con il chador nero sedute sotto un ombrellone su una spiaggia del Mar Caspio, dove c’erano addirittura un paio di uomini in costume da bagno. Gli uomini si bagnavano mentre io venivo sanzionata perché il velo era sulle spalle. Redarguita da donne. Eppure, anche per gli uomini era proibito starsene in costume in un luogo pubblico. “Quindi?”, ho chiesto alle guardiane.

“Dipende”, mi hanno risposto loro.

Non si può, ma in certi momenti sì, però dai qui te lo permetto mentre lì lascia stare, in altri orari  però forse è possibile, ma adesso è meglio di no, seguici al komiteh che ne parliamo, per cosa…

Moneta e mercato prima del capitalismo. La lezione di Marc Bloch

Per gentile concessione dell’editore Mimesis, pubblichiamo l’introduzione al libro “Lineamenti di una storia monetaria d’Europa” di Marc Bloch, tra i massimi studiosi del Medioevo. Un gigante non solo della storiografia, ma del pensiero e della lotta per la libertà, come dimostra la sua morte per mano nazifascista.

Biennale Teatro 2024, intervista ai direttori artistici Stefano Ricci e Gianni Forte

La Biennale Teatro 2024, in programma dal 15 al 30 giugno 2024, è la quarta e ultima diretta da Stefano Ricci e Gianni Forte (in arte ricci/forte). Ripercorrere le tre precedenti edizioni da loro dirette e fornire anticipazioni su quella che si appresta a iniziare ci fornisce anche il pretesto per una riflessione a 360° sul teatro, la comunicazione e l’arte nel mondo contemporaneo.

Never forget 1984: l’India a 40 anni dal massacro sikh

Nel giugno del 1984 veniva lanciata in India contro il movimento indipendentista sikh l’operazione “Blue Star”, che portò a migliaia di morti. La reazione condusse all’omicidio del premier Indira Gandhi per mano delle sue guardie del corpo, proprio di origine sikh. Ne seguirono in tutta l’India veri e propri pogrom contro questa minoranza, verso la quale l’attuale governo indiano continua ad avere un atteggiamento ambiguo. Minoranza che ci è più vicina di quanto sembra, data la presenza in Italia di numerosi suoi membri, impiegati nel settore agricolo e in quello dell’allevamento.