L’abuso normalizzato. Il cinema degli anni Settanta e le donne

Mentre le donne scendevano in piazza e reclamavano i loro diritti e la propria liberazione, il cinema degli anni Settanta provvedeva a rimetterle al loro posto attraverso la produzione di un immaginario violento, di normalizzazione dell’abuso, dello stupro e persino della pedofilia. Non è la prima volta nella Storia: anche la caccia alle streghe post-medievale, secondo alcune studiose, fu una reazione all’uso che le donne avevano preso a fare dei libri.

Cosa ha fatto il cinema in un momento storico in cui l’emancipazione femminile ha avuto riconoscimento formale e giuridico con le grandi riforme del diritto di famiglia? Due luoghi di libertà si sono contesi il corpo delle donne almeno per un decennio che va dalla fine degli anni Sessanta alla fine degli anni Settanta: il grande schermo e le piazze femministe. Il grande schermo, gestito da una filiera maschile dominante che occupava lo spazio della creazione, attraversava un momento straordinariamente ricco e forse unico nella sua storia. Il cinema degli anni Settanta era un mezzo egemone di comunicazione di massa che poteva non solo raccontare, ma anche “inventare” le donne, forgiare dive, suggerire nuovi orizzonti e desideri per le spettatrici, fomentare libidini. Orientare un mercato. Creare stereotipi. E poi se ne parlava, dando vita a una florida attività editoriale che camminava in parallelo. Una macchina di desideri, perfettamente oliata, costruita da uomini, che alimentava sé stessa attraverso narrazioni al maschile e un profluvio di desiderabili e monumentali corpi di donne.

Le piazze, dall’altra parte, erano un nucleo di libertà in aperta competizione con il patriarcato. Ovvero, precisamente, con la stessa filiera maschile all’origine della produzione di storie e di identità femminili che hanno poi irrigato l’immaginario e la rappresentazione nei decenni successivi, attraverso il piccolo schermo e il marketing.

Nella sintesi di quello scontro, che include anche la mai abbastanza citata partecipazione delle fotografe femministe che avevano straordinariamente anticipato i tempi, si potrebbe leggere in filigrana il DNA del nostro sguardo di oggi.

Un periodo molto simile a quello, con una “produzione di storie” in competizione con l’emancipazione femminile si verificò nel Cinquecento con l’affermarsi dell’editoria. Parallelamente alla diffusione del libro e alla diversificazione di temi e di contenuti che potevano esulare da quelli religiosi, le donne cominciavano a studiare. A conoscere mondi diversi. A essere esperte di erbe. Curare. Divinare il futuro. Ad avere competenze rispetto alle pareti domestiche e all’accudimento di figli. Un potere non più gestibile.

La giornalista e saggista Mona Chollet – una delle voci femministe più acute e intelligenti nel panorama francese – nel saggio Sorcières (Streghe) afferma che la “caccia alle streghe” inizia con la diffusione di massa del libro, appunto. Alla base delle persecuzioni il timore del desiderio di libertà e di emancipazione d…

Moneta e mercato prima del capitalismo. La lezione di Marc Bloch

Per gentile concessione dell’editore Mimesis, pubblichiamo l’introduzione al libro “Lineamenti di una storia monetaria d’Europa” di Marc Bloch, tra i massimi studiosi del Medioevo. Un gigante non solo della storiografia, ma del pensiero e della lotta per la libertà, come dimostra la sua morte per mano nazifascista.

Biennale Teatro 2024, intervista ai direttori artistici Stefano Ricci e Gianni Forte

La Biennale Teatro 2024, in programma dal 15 al 30 giugno 2024, è la quarta e ultima diretta da Stefano Ricci e Gianni Forte (in arte ricci/forte). Ripercorrere le tre precedenti edizioni da loro dirette e fornire anticipazioni su quella che si appresta a iniziare ci fornisce anche il pretesto per una riflessione a 360° sul teatro, la comunicazione e l’arte nel mondo contemporaneo.

Never forget 1984: l’India a 40 anni dal massacro sikh

Nel giugno del 1984 veniva lanciata in India contro il movimento indipendentista sikh l’operazione “Blue Star”, che portò a migliaia di morti. La reazione condusse all’omicidio del premier Indira Gandhi per mano delle sue guardie del corpo, proprio di origine sikh. Ne seguirono in tutta l’India veri e propri pogrom contro questa minoranza, verso la quale l’attuale governo indiano continua ad avere un atteggiamento ambiguo. Minoranza che ci è più vicina di quanto sembra, data la presenza in Italia di numerosi suoi membri, impiegati nel settore agricolo e in quello dell’allevamento.