L’abuso normalizzato. Il cinema degli anni Settanta e le donne

Mentre le donne scendevano in piazza e reclamavano i loro diritti e la propria liberazione, il cinema degli anni Settanta provvedeva a rimetterle al loro posto attraverso la produzione di un immaginario violento, di normalizzazione dell’abuso, dello stupro e persino della pedofilia. Non è la prima volta nella Storia: anche la caccia alle streghe post-medievale, secondo alcune studiose, fu una reazione all’uso che le donne avevano preso a fare dei libri.

Cosa ha fatto il cinema in un momento storico in cui l’emancipazione femminile ha avuto riconoscimento formale e giuridico con le grandi riforme del diritto di famiglia? Due luoghi di libertà si sono contesi il corpo delle donne almeno per un decennio che va dalla fine degli anni Sessanta alla fine degli anni Settanta: il grande schermo e le piazze femministe. Il grande schermo, gestito da una filiera maschile dominante che occupava lo spazio della creazione, attraversava un momento straordinariamente ricco e forse unico nella sua storia. Il cinema degli anni Settanta era un mezzo egemone di comunicazione di massa che poteva non solo raccontare, ma anche “inventare” le donne, forgiare dive, suggerire nuovi orizzonti e desideri per le spettatrici, fomentare libidini. Orientare un mercato. Creare stereotipi. E poi se ne parlava, dando vita a una florida attività editoriale che camminava in parallelo. Una macchina di desideri, perfettamente oliata, costruita da uomini, che alimentava sé stessa attraverso narrazioni al maschile e un profluvio di desiderabili e monumentali corpi di donne.

Le piazze, dall’altra parte, erano un nucleo di libertà in aperta competizione con il patriarcato. Ovvero, precisamente, con la stessa filiera maschile all’origine della produzione di storie e di identità femminili che hanno poi irrigato l’immaginario e la rappresentazione nei decenni successivi, attraverso il piccolo schermo e il marketing.

Nella sintesi di quello scontro, che include anche la mai abbastanza citata partecipazione delle fotografe femministe che avevano straordinariamente anticipato i tempi, si potrebbe leggere in filigrana il DNA del nostro sguardo di oggi.

Un periodo molto simile a quello, con una “produzione di storie” in competizione con l’emancipazione femminile si verificò nel Cinquecento con l’affermarsi dell’editoria. Parallelamente alla diffusione del libro e alla diversificazione di temi e di contenuti che potevano esulare da quelli religiosi, le donne cominciavano a studiare. A conoscere mondi diversi. A essere esperte di erbe. Curare. Divinare il futuro. Ad avere competenze rispetto alle pareti domestiche e all’accudimento di figli. Un potere non più gestibile.

La giornalista e saggista Mona Chollet – una delle voci femministe più acute e intelligenti nel panorama francese – nel saggio Sorcières (Streghe) afferma che la “caccia alle streghe” inizia con la diffusione di massa del libro, appunto. Alla base delle persecuzioni il timore del desiderio di libertà e di emancipazione d…

Prigionieri civili ucraini in Russia: un destino in bilico

Migliaia di cittadini ucraini sono stati fatti prigionieri dalle forze russe. Non possono comunicare con avvocati e familiari, non hanno possibilità di ricorrere in appello o di essere oggetto di scambi di prigionieri. Quale sarà il loro destino?

popolo kurdo manifestazione

La Turchia non smette di perseguitare il popolo kurdo

In regimi come quello turco le minoranze subiscono numerosi tipi di persecuzione, e sono costrette a vivere in povertà e in condizioni precarie. Yilmaz Orkan, responsabile di Uiki-Onlus – Ufficio di Informazione del Kurdistan in Italia, racconta in questa intervista i tanti aspetti dell’oppressione strutturale esercitata storicamente dai governi turchi nei confronti del popolo kurdo. Un’oppressione dai tratti ancora più feroci negli ultimi decenni: Erdoğan sta facendo di tutto per rendere il Kurdistan una terra invivibile.

In Uganda i profughi si sentono molto più accolti che in Europa

Un tempo l’Uganda era un Paese di transito lungo le rotte migratorie. Chi emigrava dal sud dell’Africa verso Europa e Stati Uniti non avrebbe mai immaginato di trovare lì una nuova patria. Ma grazie ad accorte politiche d’integrazione, che sostanzialmente equiparano gli stranieri ai cittadini locali, il Paese centrafricano ha costruito un sistema modello per l’accoglienza.