Kenya, 60 anni fa l’indipendenza dall’Impero britannico

Nella mezzanotte tra l’11 e il 12 dicembre 1963 il Kenya diventava uno Stato sovrano. Giungeva al termine così il periodo di dominazione coloniale britannica, una storia fatta di violenze, omicidi, torture, espropriazioni in cui i più basilari diritti umani vennero sistematicamente calpestati. Una storia che sarebbe potuta passare sotto silenzio ma che è stata portata alla luce dal lavoro di coraggiosi studiosi.

In quanti modi ci si può scusare? Il re Carlo d’Inghilterra ne avrà vagliati molti, prima di volare in Kenya il mese scorso. E alla fine ha scelto la prudenza. Nessuna scusa formale, ma “grande dolore e profondo rimpianto” per quanto accaduto in epoca coloniale. Frettoloso, diplomatico, poco convincente. Così è stato recepito dai keniani, le cui ferite sono ancora aperte.

Sono passati esattamente sessant’anni dalla fine della dominazione, da quello scoccare della mezzanotte, tra l’11 e il 12 dicembre 1963. Nel grande stadio appena inaugurato, veniva eseguito per la prima volta l’inno nazionale del Kenya e la nuova bandiera prendeva il posto dell’Union Jack, lasciata scivolare a terra. Nairobi esplodeva in atmosfera di giubilo. Auto in coda bloccavano la città, nell’urlo senza fine dei clacson. Il Kenya aveva ottenuto l’indipendenza. Stato sovrano, libero. Dodici mesi dopo, il grande Paese dell’Est Africa diventerà una repubblica presidenziale, parte del Commonwealth.

Da allora, ogni anno, il Kenya festeggia il Jamhuri Day (jamhuri significa repubblica, in swhaili). I giovani inondano i profili social di messaggi di auguri, condividono meme festosi sugli stati di Whatsapp e proclami patriottici su X. Nelle case si preparano piatti regionali come le samosa o l’ugali (sorta di polenta di mais accompagnata da carne, pesce o verdure), si balla, si alzano calici di birra. Qualcuno approfitta per occuparsi delle decorazioni natalizie, qualcun altro assiste alla pompa delle manifestazioni ufficiali, come la (molto inglese) Trooping of the colors.

I più anziani, invece, guardano al passato. Se lo portano addosso, quel passato funesto; cicatrice di una tra le più cupe esperienze della storia imperiale britannica. Il cui epilogo legale è arrivato solo dieci anni fa.

Tutto iniziò nel 1890, quando la regione, dopo un periodo di dominazione tedesca, divenne parte del Protettorato Britannico dell’Africa Orientale, poi colonia nel 1920. Fin da subito, la fertilità del suolo andò in cima agli interessi inglesi. Insediatisi negli altipiani interni dal clima mite – le White Highlands – decretarono che tutte le terre appartenevano alla Corona e che solo i diritti di proprietà individuale venivano garantiti ai nativi. Nel mondo keniano, dove vigeva il possesso consuetudinario e i beni erano gestiti da comunità (anche di centinaia di persone, mescolate e sovrapposte da rapporti di parentela), questo decreto significava un’alienazione forzata dei fondi. I contadini locali, espropriati dei loro campi, vennero impiegati come manodopera a basso costo nelle vaste piantagioni di tè e caffè. Molti furono spinti nelle “riserve native”, create nel 1904. Il risultato fu che, già nel 1934, i 30mila coloni bianchi, pari allo 0,25% della popolazione, controllavano un terzo delle terre coltivab…

Moneta e mercato prima del capitalismo. La lezione di Marc Bloch

Per gentile concessione dell’editore Mimesis, pubblichiamo l’introduzione al libro “Lineamenti di una storia monetaria d’Europa” di Marc Bloch, tra i massimi studiosi del Medioevo. Un gigante non solo della storiografia, ma del pensiero e della lotta per la libertà, come dimostra la sua morte per mano nazifascista.

Biennale Teatro 2024, intervista ai direttori artistici Stefano Ricci e Gianni Forte

La Biennale Teatro 2024, in programma dal 15 al 30 giugno 2024, è la quarta e ultima diretta da Stefano Ricci e Gianni Forte (in arte ricci/forte). Ripercorrere le tre precedenti edizioni da loro dirette e fornire anticipazioni su quella che si appresta a iniziare ci fornisce anche il pretesto per una riflessione a 360° sul teatro, la comunicazione e l’arte nel mondo contemporaneo.

Never forget 1984: l’India a 40 anni dal massacro sikh

Nel giugno del 1984 veniva lanciata in India contro il movimento indipendentista sikh l’operazione “Blue Star”, che portò a migliaia di morti. La reazione condusse all’omicidio del premier Indira Gandhi per mano delle sue guardie del corpo, proprio di origine sikh. Ne seguirono in tutta l’India veri e propri pogrom contro questa minoranza, verso la quale l’attuale governo indiano continua ad avere un atteggiamento ambiguo. Minoranza che ci è più vicina di quanto sembra, data la presenza in Italia di numerosi suoi membri, impiegati nel settore agricolo e in quello dell’allevamento.