Beirut, la città che non crede più a nulla, nemmeno alla guerra

Un tempo la capitale libanese era una sorta di Parigi che racchiudeva il meglio dell’Occidente e del Medio Oriente. Oggi, dopo una sanguinosa guerra civile e altri conflitti che ne hanno deturpato il volto, ai quali si è aggiunta l’esplosione al porto del 2020, è l’ombra dello splendore che fu. Ciononostante, pur rimanendo sempre col fiato sospeso, i suoi abitanti non si rassegnano alla realtà e ne affollano le serate in cerca di vita mondana.

(BEIRUT, Libano) – C’era una volta Beirut. Beirut la bella, la ricca, la colta, la cosmopolita… La città che sapeva raccogliere il meglio di Occidente e Medio Oriente in un unico luogo, sé stessa. Come una Parigi mediterranea affacciata sul lungomare assolato della Corniche.

Esiste ancora quella città, anche se da molto tempo non si sente che l’ombra di quel che era. E sussulta a ogni scambio di colpi tra razzi di Hezbollah e artiglieria di Tsahal, incrociando le dita a ogni dichiarazione degli Ayatollah iraniani come del Governo israeliano. Ha tirato un sospiro di sollievo solo nei sette giorni di una tregua troppo breve e trema ancora, Beirut, spiando i segni di una risalita dello tsunami della guerra oltre la fragile diga della Linea Blu presidiata dai militari – anche italiani – del contingente Unifil. È già successo altre volte, l’ultima durante la guerra che viene ricordata come quella “dei 33 giorni”, deflagrata nell’estate del 2006 in seguito al rapimento da parte dei miliziani di Hezbollah di due soldati israeliani. E che travolse per prima la zona meridionale a maggioranza sciita di Tiro, villaggio di pescatori riconvertito a una precaria vocazione turistica. Dove tutto parla la lingua di una vicinanza con l’Iran che si manifesta anche nei ritratti, appesi a ogni lampione, del leader del Partito di Dio Hassan Nasrallah o del generale Qassem Soleimani, comandante delle Guardie della rivoluzione iraniane, ucciso nel gennaio 2020 da un missile statunitense nei pressi dell’aeroporto di Baghdad. 

Esiste ancora qualcosa di quella Beirut perfino in un tessuto urbano balcanizzato a macchie di leopardo sulla base di appartenenze confessionali, dove una passeggiata nella via sbagliata potrebbe rivelarsi l’errore più grande della propria vita. Nel quartiere cristiano di Achrafieh, per esempio, dove la buona borghesia, che ha il suo riferimento nel quotidiano francofono l’Orient le Jour, usa ancora oggi lasciare cadere con nonchalance alcune parole in francese nella sua parlata beirutina. Che poi si fa presto a dire cristiano, in un Paese che è il meno musulmano dei Paesi arabi e che conta in totale 18 confessioni riconosciute tra le quali ben 12 varianti che si contendono le anime dei battezzati in Cristo: cattolici romani, cattolici maroniti, greco-cattolici, armeno-cattolici, greco-ortodossi, protestanti, solo per citare i gruppi più numericamente consistenti. 

E si ostina a esistere ancora, quella città, soprattutto nel palazzo di Beit Beirut nel quartiere di Sodeco, sede di un’in…

Prigionieri civili ucraini in Russia: un destino in bilico

Migliaia di cittadini ucraini sono stati fatti prigionieri dalle forze russe. Non possono comunicare con avvocati e familiari, non hanno possibilità di ricorrere in appello o di essere oggetto di scambi di prigionieri. Quale sarà il loro destino?

popolo kurdo manifestazione

La Turchia non smette di perseguitare il popolo kurdo

In regimi come quello turco le minoranze subiscono numerosi tipi di persecuzione, e sono costrette a vivere in povertà e in condizioni precarie. Yilmaz Orkan, responsabile di Uiki-Onlus – Ufficio di Informazione del Kurdistan in Italia, racconta in questa intervista i tanti aspetti dell’oppressione strutturale esercitata storicamente dai governi turchi nei confronti del popolo kurdo. Un’oppressione dai tratti ancora più feroci negli ultimi decenni: Erdoğan sta facendo di tutto per rendere il Kurdistan una terra invivibile.

In Uganda i profughi si sentono molto più accolti che in Europa

Un tempo l’Uganda era un Paese di transito lungo le rotte migratorie. Chi emigrava dal sud dell’Africa verso Europa e Stati Uniti non avrebbe mai immaginato di trovare lì una nuova patria. Ma grazie ad accorte politiche d’integrazione, che sostanzialmente equiparano gli stranieri ai cittadini locali, il Paese centrafricano ha costruito un sistema modello per l’accoglienza.