La resistenza dei prigionieri socialisti e anarchici russi nelle carceri bolsceviche degli anni Venti

Nelle carceri dell’Unione Sovietica, spesso ubicate in posti isolati dal mondo, i prigionieri socialisti e anarchici, condannati alla detenzione dai bolscevichi, lottarono per ottenere un diverso regime carcerario politico. Il loro obiettivo era preservare la propria dignità e garantirsi condizioni di vita migliori. Oggi, a circa un secolo da quei fatti, con la Russia che attraversa un altro momento difficile, è fondamentale preservare la loro memoria e quella della loro lotta.

Questo scritto affronta un argomento poco conosciuto e poco studiato, ma estremamente importante, vale a dire la difesa dei propri diritti e della propria dignità da parte di socialisti e anarchici russi ritrovatisi prigionieri politici, o in altre parole, il tema della resistenza in carcere e della lotta per un diverso regime carcerario “politico” negli anni Venti.[1] Va subito specificato che già prima del 1917 i prigionieri politici avevano alle spalle mezzo secolo di lotta per i propri diritti, ma che la formula “regime (carcerario) politico” nacque solo in epoca sovietica, utilizzata ugualmente da detenuti e carcerieri per indicare l’insieme di diritti e condizioni di detenzione per i quali i prigionieri politici si battevano.

Per molti colleghi storici l’argomento ha un’importanza accessoria, se non infima: un atteggiamento, quello nei confronti della resistenza in carcere dei prigionieri politici, che nella storiografia ufficiale è la regola più che l’eccezione. Molti ritengono che la vera scienza sia quella dei programmi e delle idee dei partiti, dei dibattiti teorici o dell’organizzazione interna, delle gesta e delle biografie dei loro membri di spicco. Mentre il modo in cui, in carcere, questi ultimi cercarono di preservare la propria dignità e la propria percezione di sé in quanto persone libere sarebbe qualcosa di poco conto.

In due occasioni, per esempio, mi sono ritrovato a discutere con una ricercatrice (credente) che studiava le biografie dei sacerdoti prigionieri alle Solovki. Come i suoi eroi, anche lei riteneva che un prigioniero potesse solo sopportare le privazioni, dono di Dio, laddove la lotta dei prigionieri politici per i propri diritti era da considerarsi indegna e meschina. Nonostante le mie argomentazioni, non arrivò a capire la logica di una lotta per la dignità e la salute che era intesa a proseguire anche dopo la detenzione.

Neanche la memorialistica dei prigionieri non socialisti, però, è scevra da rimbrotti ai privilegi del cosiddetto “regime politico”, che allora (e ancora oggi) veniva letto da molti in modo del tutto errato: da un lato come un regalo dei bolscevichi ai loro ex compagni di lotta allo zarismo e dall’altro come una forma di mercantilismo sui generis.

La ragione, a mio avviso, è da cogliere nella discrepanza tra il pathos…

Prigionieri civili ucraini in Russia: un destino in bilico

Migliaia di cittadini ucraini sono stati fatti prigionieri dalle forze russe. Non possono comunicare con avvocati e familiari, non hanno possibilità di ricorrere in appello o di essere oggetto di scambi di prigionieri. Quale sarà il loro destino?

popolo kurdo manifestazione

La Turchia non smette di perseguitare il popolo kurdo

In regimi come quello turco le minoranze subiscono numerosi tipi di persecuzione, e sono costrette a vivere in povertà e in condizioni precarie. Yilmaz Orkan, responsabile di Uiki-Onlus – Ufficio di Informazione del Kurdistan in Italia, racconta in questa intervista i tanti aspetti dell’oppressione strutturale esercitata storicamente dai governi turchi nei confronti del popolo kurdo. Un’oppressione dai tratti ancora più feroci negli ultimi decenni: Erdoğan sta facendo di tutto per rendere il Kurdistan una terra invivibile.

In Uganda i profughi si sentono molto più accolti che in Europa

Un tempo l’Uganda era un Paese di transito lungo le rotte migratorie. Chi emigrava dal sud dell’Africa verso Europa e Stati Uniti non avrebbe mai immaginato di trovare lì una nuova patria. Ma grazie ad accorte politiche d’integrazione, che sostanzialmente equiparano gli stranieri ai cittadini locali, il Paese centrafricano ha costruito un sistema modello per l’accoglienza.