Vladimir Lenin, la statura e gli errori di un leader che non cercava il culto di sé

Appena morto Lenin, la sua figura fu immediatamente trasformata in oggetto di culto da Stalin, che lo adoperò strumentalmente per legittimare il culto della sua propria personalità. Ma la caratura del leader bolscevico era dipesa, nell’arco della sua esistenza, anche dal rifiuto netto che mostrava verso la celebrazione di sé stesso. Il calibro del suo pensiero e la sua statura intellettuale gli furono riconosciuti da tutti, anche dai suoi concorrenti, ma non meno pesanti furono i limiti e i gravi errori che commise, alcuni dei quali aprirono la strada alle successive nefandezze staliniane.
Lenin

Proprio un secolo fa, il 21 gennaio 1924, nella sua casa nei pressi di Mosca, all’età di neanche 54 anni, dopo due anni di tribolazioni a causa dell’ictus che lo aveva colpito, moriva Vladimir Il’ič Ul’janov, meglio conosciuto con lo pseudonimo di Lenin, il protagonista della Rivoluzione russa del 1917; uno dei più efficaci organizzatori del movimento operaio dell’epoca e tra i principali esponenti del marxismo del ventesimo secolo, sul piano teorico e su quello dell’azione. Osannato da milioni di lavoratori in tutto il mondo, ma anche diffusamente e universalmente odiato e denigrato da tanti esponenti delle classi dominanti, dell’epoca e di sempre.

Certo, nel corso dei decenni, il suo nome è stato abusivamente associato a quello di Stalin. Anzi, il più delle volte, proprio a lui vennero attribuite le aberrazioni che trasformarono in pochi anni la Russia rivoluzionaria in quella grottesca caricatura che fu l’URSS stalinista e poi brezneviana. Nella storiografia mainstream, Iosif Stalin è sempre stato presentato come il legittimo erede di Lenin, del suo pensiero e della sua azione. E l’ideologia e la storiografia di regime dell’URSS, ovviamente, costruendo l’immagine del “marxismo-leninismo”, hanno sempre avallato e strumentalizzato questa identificazione, perché la presunta continuità tra Lenin e Stalin forniva a quest’ultimo una potente seppur abusiva autorità, sia tra le masse sovietiche sia nel movimento comunista internazionale.

Da Stalin, e dal regime dittatoriale che costruì attorno a sé, sorse il culto della personalità di Lenin. Subito dopo la sua morte, il corpo di Lenin fu imbalsamato su decisione di Stalin, come se fosse una sorta di santo, cosa che lo avrebbe scandalizzato e che di fatto indignò la vedova Nadežda Krupskaja, che già il 30 gennaio del 1924 (pochi giorni dopo la morte del marito) scrisse sulla Pravda: “Ho una grande preghiera per voi. Non lasciate che il vostro omaggio a Illich prenda la forma di un’adorazione per la sua persona. Non costruitegli monumenti, non intitolategli palazzi, non organizzate cerimonie commemorative. Quando era in vita dava così poca importanza a tutto questo, ai suoi occhi era tutto così inutile. Ricordate quanto è ancora povero il nostro paese. Se volete onorare il nome di Lenin, costruite asili, scuole, scuole materne, biblioteche, centri medici, ospedali, case per disabili… E soprattutto mettete in pratica i suoi insegnamenti”.

Ma anche l’appello della vedova…

Captagon, quella droga alleata del regime di Assad

Il captagon non è soltanto la droga sintetica più popolare tra i giovani del Nord Africa e del Medio Oriente. Essendo prodotta principalmente in Siria, i grandi introiti che ne derivano vanno a finanziare le casse del corrotto regine di Assad. Inoltre è spesso usata dai guerrieri jihadisti per abbassare le inibizioni e aumentare le prestazioni durante combattimenti e azioni militari o di guerriglia.

Le stragi non sono misteri ma segreti. Intervista a Benedetta Tobagi

È recentemente uscito per Laterza il libro di Benedetta Tobagi “Le stragi sono tutte un mistero”. L’autrice, che da anni si occupa di questo tema, ci invita a rimuovere dalle stragi la sensazionalistica etichetta di “misteri” e di apporvi quella più pertinente di “segreti”. Perché i misteri sono per loro natura inconoscibili, mentre i segreti lo sono esclusivamente per volontà di chi non vuole che siano rivelati. Proprio per questo è necessario ripercorrere quella stagione con rigore, facendosi strada nella pretestuosa confusione che la avvolge, consapevoli del fatto che oggi, anche se non tutto, sappiamo moltissimo. E che portare alla luce la verità di quei fatti non è un tema che riguarda solo gli studiosi, ma chiunque abbia a cuore le sorti della democrazia.

Né per matti né per bambini: le rivoluzioni di Franco Basaglia e Adriana Lodi

Il nome di Adriana Lodi non è conosciuto ai più. Come il più noto Franco Basaglia, negli anni Settanta del secolo scorso si fece protagonista anche lei di battaglie di civiltà controcorrente, che sfidarono la morale del tempo ma soprattutto i potentati economici, per dare dignità alla vita dei “matti” non meno che dei bambini e delle madri. Le due leggi che dobbiamo a loro, quella sulla chiusura dei manicomi e quella sull’apertura degli asili nido, hanno numerosi tratti in comune.