Vladimir Lenin, la statura e gli errori di un leader che non cercava il culto di sé

Appena morto Lenin, la sua figura fu immediatamente trasformata in oggetto di culto da Stalin, che lo adoperò strumentalmente per legittimare il culto della sua propria personalità. Ma la caratura del leader bolscevico era dipesa, nell’arco della sua esistenza, anche dal rifiuto netto che mostrava verso la celebrazione di sé stesso. Il calibro del suo pensiero e la sua statura intellettuale gli furono riconosciuti da tutti, anche dai suoi concorrenti, ma non meno pesanti furono i limiti e i gravi errori che commise, alcuni dei quali aprirono la strada alle successive nefandezze staliniane.
Lenin

Proprio un secolo fa, il 21 gennaio 1924, nella sua casa nei pressi di Mosca, all’età di neanche 54 anni, dopo due anni di tribolazioni a causa dell’ictus che lo aveva colpito, moriva Vladimir Il’ič Ul’janov, meglio conosciuto con lo pseudonimo di Lenin, il protagonista della Rivoluzione russa del 1917; uno dei più efficaci organizzatori del movimento operaio dell’epoca e tra i principali esponenti del marxismo del ventesimo secolo, sul piano teorico e su quello dell’azione. Osannato da milioni di lavoratori in tutto il mondo, ma anche diffusamente e universalmente odiato e denigrato da tanti esponenti delle classi dominanti, dell’epoca e di sempre.

Certo, nel corso dei decenni, il suo nome è stato abusivamente associato a quello di Stalin. Anzi, il più delle volte, proprio a lui vennero attribuite le aberrazioni che trasformarono in pochi anni la Russia rivoluzionaria in quella grottesca caricatura che fu l’URSS stalinista e poi brezneviana. Nella storiografia mainstream, Iosif Stalin è sempre stato presentato come il legittimo erede di Lenin, del suo pensiero e della sua azione. E l’ideologia e la storiografia di regime dell’URSS, ovviamente, costruendo l’immagine del “marxismo-leninismo”, hanno sempre avallato e strumentalizzato questa identificazione, perché la presunta continuità tra Lenin e Stalin forniva a quest’ultimo una potente seppur abusiva autorità, sia tra le masse sovietiche sia nel movimento comunista internazionale.

Da Stalin, e dal regime dittatoriale che costruì attorno a sé, sorse il culto della personalità di Lenin. Subito dopo la sua morte, il corpo di Lenin fu imbalsamato su decisione di Stalin, come se fosse una sorta di santo, cosa che lo avrebbe scandalizzato e che di fatto indignò la vedova Nadežda Krupskaja, che già il 30 gennaio del 1924 (pochi giorni dopo la morte del marito) scrisse sulla Pravda: “Ho una grande preghiera per voi. Non lasciate che il vostro omaggio a Illich prenda la forma di un’adorazione per la sua persona. Non costruitegli monumenti, non intitolategli palazzi, non organizzate cerimonie commemorative. Quando era in vita dava così poca importanza a tutto questo, ai suoi occhi era tutto così inutile. Ricordate quanto è ancora povero il nostro paese. Se volete onorare il nome di Lenin, costruite asili, scuole, scuole materne, biblioteche, centri medici, ospedali, case per disabili… E soprattutto mettete in pratica i suoi insegnamenti”.

Ma anche l’appello della vedova…

Prigionieri civili ucraini in Russia: un destino in bilico

Migliaia di cittadini ucraini sono stati fatti prigionieri dalle forze russe. Non possono comunicare con avvocati e familiari, non hanno possibilità di ricorrere in appello o di essere oggetto di scambi di prigionieri. Quale sarà il loro destino?

popolo kurdo manifestazione

La Turchia non smette di perseguitare il popolo kurdo

In regimi come quello turco le minoranze subiscono numerosi tipi di persecuzione, e sono costrette a vivere in povertà e in condizioni precarie. Yilmaz Orkan, responsabile di Uiki-Onlus – Ufficio di Informazione del Kurdistan in Italia, racconta in questa intervista i tanti aspetti dell’oppressione strutturale esercitata storicamente dai governi turchi nei confronti del popolo kurdo. Un’oppressione dai tratti ancora più feroci negli ultimi decenni: Erdoğan sta facendo di tutto per rendere il Kurdistan una terra invivibile.

In Uganda i profughi si sentono molto più accolti che in Europa

Un tempo l’Uganda era un Paese di transito lungo le rotte migratorie. Chi emigrava dal sud dell’Africa verso Europa e Stati Uniti non avrebbe mai immaginato di trovare lì una nuova patria. Ma grazie ad accorte politiche d’integrazione, che sostanzialmente equiparano gli stranieri ai cittadini locali, il Paese centrafricano ha costruito un sistema modello per l’accoglienza.