Ombre del passato: la memoria dell’Olocausto oggi

L'Olocausto svolge un ruolo centrale nell'identità ebraica e allo stesso tempo la lezione che ne traiamo ha una portata universale. Tuttavia, la memoria dell'Olocausto non è immune da strumentalizzazioni, come vediamo anche di recente nel contesto del conflitto israelo-palestinese.

Il dovere della memoria

Pur essendo profondamente radicata nella storia ebraica, la lezione che ci viene dall’Olocausto ha una rilevanza universale. Essa costituisce un severo monito contro i pericoli dell’odio, della xenofobia, dell’autoritarismo e della tirannia. Questo aspetto universale della commemorazione dell’Olocausto è fondamentale per promuovere una concezione globale dei diritti umani e della dignità e per ribadire la necessità di vigilare contro l’oppressione in qualsiasi forma.

Tuttavia, la memoria dell’Olocausto non è immune da usi e abusi. Nel contesto del conflitto israelo-palestinese, assistiamo alla preoccupante tendenza alla strumentalizzazione dell’Olocausto.

Nel riflettere sul Giorno della Memoria in questo periodo tumultuoso, faremmo bene a tenere a mente il suo significato nel lungo periodo. Questo giorno trascende la semplice commemorazione delle atrocità del passato; richiede una riflessione sul ruolo dell’Olocausto nel plasmare la società e la politica contemporanee. In questa esplorazione, ci confrontiamo con domande sulla memoria, sull’identità e sulla strumentalizzazione della storia.

L’Olocausto svolge un ruolo centrale nell’identità ebraica, serve a ricordare gli indicibili orrori subiti e la resistenza dimostrata dagli ebrei europei. Questo oscuro capitolo della storia non rappresenta solo un trauma collettivo, ma costituisce anche una testimonianza di sopravvivenza e ci pone di fronte all’imperativo della memoria. Nel ricordare l’Olocausto, riaffermiamo l’obbligo di salvaguardare la verità di questa storia contro la negazione e la distorsione, assicurando che le voci delle vittime e dei sopravvissuti siano ascoltate, onorate e preservate.

L’attuale strumentalizzazione

Tuttavia, la memoria dell’Olocausto non è immune da usi e abusi. Nel contesto del conflitto israelo-palestinese, assistiamo alla preoccupante tendenza alla strumentalizzazione dell’Olocausto. I paragoni tracciati da entrambe le parti tra figure o azioni politiche contemporanee e quelle dei nazisti spesso semplificano eccessivamente e travisano realtà complesse. Questa strumentalizzazione della memoria non serve la verità storica ma le narrazioni politiche attuali, minando così il particolare significato storico dell’Olocausto e distorcendo allo stesso tempo la nostra comprensione degli eventi di oggi.

In Israele, i leader politici e i media si riferiscono ripetutamente ad Hamas definendoli “nazisti”, evocando così la memoria collettiva dell’Olocausto. Non si tratta di una novità: è infatti a…

Prigionieri civili ucraini in Russia: un destino in bilico

Migliaia di cittadini ucraini sono stati fatti prigionieri dalle forze russe. Non possono comunicare con avvocati e familiari, non hanno possibilità di ricorrere in appello o di essere oggetto di scambi di prigionieri. Quale sarà il loro destino?

popolo kurdo manifestazione

La Turchia non smette di perseguitare il popolo kurdo

In regimi come quello turco le minoranze subiscono numerosi tipi di persecuzione, e sono costrette a vivere in povertà e in condizioni precarie. Yilmaz Orkan, responsabile di Uiki-Onlus – Ufficio di Informazione del Kurdistan in Italia, racconta in questa intervista i tanti aspetti dell’oppressione strutturale esercitata storicamente dai governi turchi nei confronti del popolo kurdo. Un’oppressione dai tratti ancora più feroci negli ultimi decenni: Erdoğan sta facendo di tutto per rendere il Kurdistan una terra invivibile.

In Uganda i profughi si sentono molto più accolti che in Europa

Un tempo l’Uganda era un Paese di transito lungo le rotte migratorie. Chi emigrava dal sud dell’Africa verso Europa e Stati Uniti non avrebbe mai immaginato di trovare lì una nuova patria. Ma grazie ad accorte politiche d’integrazione, che sostanzialmente equiparano gli stranieri ai cittadini locali, il Paese centrafricano ha costruito un sistema modello per l’accoglienza.