Ombre del passato: la memoria dell’Olocausto oggi

L'Olocausto svolge un ruolo centrale nell'identità ebraica e allo stesso tempo la lezione che ne traiamo ha una portata universale. Tuttavia, la memoria dell'Olocausto non è immune da strumentalizzazioni, come vediamo anche di recente nel contesto del conflitto israelo-palestinese.

Il dovere della memoria

Pur essendo profondamente radicata nella storia ebraica, la lezione che ci viene dall’Olocausto ha una rilevanza universale. Essa costituisce un severo monito contro i pericoli dell’odio, della xenofobia, dell’autoritarismo e della tirannia. Questo aspetto universale della commemorazione dell’Olocausto è fondamentale per promuovere una concezione globale dei diritti umani e della dignità e per ribadire la necessità di vigilare contro l’oppressione in qualsiasi forma.

Tuttavia, la memoria dell’Olocausto non è immune da usi e abusi. Nel contesto del conflitto israelo-palestinese, assistiamo alla preoccupante tendenza alla strumentalizzazione dell’Olocausto.

Nel riflettere sul Giorno della Memoria in questo periodo tumultuoso, faremmo bene a tenere a mente il suo significato nel lungo periodo. Questo giorno trascende la semplice commemorazione delle atrocità del passato; richiede una riflessione sul ruolo dell’Olocausto nel plasmare la società e la politica contemporanee. In questa esplorazione, ci confrontiamo con domande sulla memoria, sull’identità e sulla strumentalizzazione della storia.

L’Olocausto svolge un ruolo centrale nell’identità ebraica, serve a ricordare gli indicibili orrori subiti e la resistenza dimostrata dagli ebrei europei. Questo oscuro capitolo della storia non rappresenta solo un trauma collettivo, ma costituisce anche una testimonianza di sopravvivenza e ci pone di fronte all’imperativo della memoria. Nel ricordare l’Olocausto, riaffermiamo l’obbligo di salvaguardare la verità di questa storia contro la negazione e la distorsione, assicurando che le voci delle vittime e dei sopravvissuti siano ascoltate, onorate e preservate.

L’attuale strumentalizzazione

Tuttavia, la memoria dell’Olocausto non è immune da usi e abusi. Nel contesto del conflitto israelo-palestinese, assistiamo alla preoccupante tendenza alla strumentalizzazione dell’Olocausto. I paragoni tracciati da entrambe le parti tra figure o azioni politiche contemporanee e quelle dei nazisti spesso semplificano eccessivamente e travisano realtà complesse. Questa strumentalizzazione della memoria non serve la verità storica ma le narrazioni politiche attuali, minando così il particolare significato storico dell’Olocausto e distorcendo allo stesso tempo la nostra comprensione degli eventi di oggi.

In Israele, i leader politici e i media si riferiscono ripetutamente ad Hamas definendoli “nazisti”, evocando così la memoria collettiva dell’Olocausto. Non si tratta di una novità: è infatti a…

Moneta e mercato prima del capitalismo. La lezione di Marc Bloch

Per gentile concessione dell’editore Mimesis, pubblichiamo l’introduzione al libro “Lineamenti di una storia monetaria d’Europa” di Marc Bloch, tra i massimi studiosi del Medioevo. Un gigante non solo della storiografia, ma del pensiero e della lotta per la libertà, come dimostra la sua morte per mano nazifascista.

Biennale Teatro 2024, intervista ai direttori artistici Stefano Ricci e Gianni Forte

La Biennale Teatro 2024, in programma dal 15 al 30 giugno 2024, è la quarta e ultima diretta da Stefano Ricci e Gianni Forte (in arte ricci/forte). Ripercorrere le tre precedenti edizioni da loro dirette e fornire anticipazioni su quella che si appresta a iniziare ci fornisce anche il pretesto per una riflessione a 360° sul teatro, la comunicazione e l’arte nel mondo contemporaneo.

Never forget 1984: l’India a 40 anni dal massacro sikh

Nel giugno del 1984 veniva lanciata in India contro il movimento indipendentista sikh l’operazione “Blue Star”, che portò a migliaia di morti. La reazione condusse all’omicidio del premier Indira Gandhi per mano delle sue guardie del corpo, proprio di origine sikh. Ne seguirono in tutta l’India veri e propri pogrom contro questa minoranza, verso la quale l’attuale governo indiano continua ad avere un atteggiamento ambiguo. Minoranza che ci è più vicina di quanto sembra, data la presenza in Italia di numerosi suoi membri, impiegati nel settore agricolo e in quello dell’allevamento.