La virata a destra di Macron segna la fine del macronismo?

L’elezione di Macron nel 2017 aveva rappresentato l’apice di un pensiero, diffuso, secondo cui i nuovi nazionalismi andavano combattuti superando la dicotomia destra-sinistra. Ma gli ultimi sviluppi politici francesi, e lo sfondamento ideologico dell’estrema destra, dimostrano che questa ipotesi è definitivamente tramontata.

È un pensiero immediato, forse scontato, ma non vi si può sfuggire. La sera del 24 aprile, in occasione della sua rielezione all’Eliseo, Emmanuel Macron sembrava avere un’idea piuttosto lucida del contesto in cui era maturato quel risultato: «So che molti dei nostri compatrioti oggi hanno votato per me non per sostenere le mie idee, ma per contrastare quelle dell’estrema destra. Voglio ringraziarli e dire loro che sono consapevole che questo voto mi obbliga per gli anni a venire». Nemmeno due anni dopo quell’elezione, le ultime vicende politiche francesi dimostrano che la diga potrebbe essere già crollata. E con essa l’intero impianto ideologico del macronismo.

Quello che è accaduto nella politica francese nelle ultime settimane può essere letto in diversi modi. Qualche parola va spesa, innanzitutto, per la grande sconfitta di questa fase politica, ovvero l’ormai ex Prima Ministra Élisabeth Borne. Si definisce “scogliera di cristallo” il fenomeno per cui, di fronte a periodi di grave crisi o ad alta possibilità di fallimento, si tende a lasciare il potere ad una donna che verrà “bruciata” dall’impopolarità delle decisioni da prendere. Una dinamica che Borne ha imparato a conoscere molto bene: il suo governo verrà ricordato per una delle riforme più duramente contestate degli ultimi anni – quella sulle pensioni – e per la ciliegina finale del voto condiviso con il Rassemblement National sulla Loi Immigration, poco prima di Natale.

Di fronte ad un consenso tra i più bassi della sua esperienza presidenziale, e a meno di sei mesi dalle Europee, Macron ha scelto di rifarsi il look scaricandola e ripartendo da Gabriel Attal. Non solo il più giovane Ministro della storia francese, ma, secondo un sondaggio di Ipsos di dicembre scorso, anche il politico “più apprezzato” al momento nel Paese. Una popolarità che potrebbe anche rivelarsi un’arma a doppio taglio: l’agenda presidenziale di Macron potrà ora permettersi meno fughe in avanti, con un premier maggiormente intenzionato a preservare la propria immagine (anche in vista delle Presidenziali 2027?). E l’appuntamento elettorale di giugno, con la sfida mediatica già costruita contro l’altro giovanissimo della politica francese, il presidente del RN Jordan Bardella, potrebbe essere già un colp…

Prigionieri civili ucraini in Russia: un destino in bilico

Migliaia di cittadini ucraini sono stati fatti prigionieri dalle forze russe. Non possono comunicare con avvocati e familiari, non hanno possibilità di ricorrere in appello o di essere oggetto di scambi di prigionieri. Quale sarà il loro destino?

popolo kurdo manifestazione

La Turchia non smette di perseguitare il popolo kurdo

In regimi come quello turco le minoranze subiscono numerosi tipi di persecuzione, e sono costrette a vivere in povertà e in condizioni precarie. Yilmaz Orkan, responsabile di Uiki-Onlus – Ufficio di Informazione del Kurdistan in Italia, racconta in questa intervista i tanti aspetti dell’oppressione strutturale esercitata storicamente dai governi turchi nei confronti del popolo kurdo. Un’oppressione dai tratti ancora più feroci negli ultimi decenni: Erdoğan sta facendo di tutto per rendere il Kurdistan una terra invivibile.

In Uganda i profughi si sentono molto più accolti che in Europa

Un tempo l’Uganda era un Paese di transito lungo le rotte migratorie. Chi emigrava dal sud dell’Africa verso Europa e Stati Uniti non avrebbe mai immaginato di trovare lì una nuova patria. Ma grazie ad accorte politiche d’integrazione, che sostanzialmente equiparano gli stranieri ai cittadini locali, il Paese centrafricano ha costruito un sistema modello per l’accoglienza.