Geopolitica e alta finanza: la biforcazione del potere militare e finanziario globale

Mimesis ha da poco ripubblicato il saggio di Giovanni Arrighi con la sociologa Beverly J. Silver dal titolo “Caos e governo del mondo. Come cambiano le egemonie e gli equilibri planetari”. Si tratta di un saggio del 1999 nel quale Arrighi, tra i padri della teoria del sistema-mondo, intuisce con un certo anticipo la crisi dell'egemonia statunitense attraverso l'osservazione delle transizioni di potere avvenute in passato. Grazie all’editore ne pubblichiamo un estratto in cui la dinamica del mutamento al vertice del potere globale viene analizzata attraverso l’intreccio di geopolitica e alta finanza.

Come si evince dalla prospettiva della geopolitica e dell’alta finanza, le tendenze principali che hanno caratterizzato la crisi degli Stati Uniti dal 1970 circa condividono molte somiglianze con le caratteristiche delle crisi egemoniche precedenti. Le crisi egemoniche passate hanno condiviso tre tendenze fondamentali: un’intensificazione della rivalità fra le grandi potenze, l’emergere di un nuovo centro di potere ai margini del raggio d’azione dello Stato egemonico in declino, e un’espansione del sistema finanziario imperniato sullo Stato egemonico in declino. Tutte e tre queste tendenze possono essere riconosciute nella crisi statunitense, anche se sono meno evidenti di quelle che avevano caratterizzato le crisi precedenti.

Questo offuscamento delle tre tendenze tipiche delle crisi egemoniche precedenti è legato al fatto che una di esse – l’espansione finanziaria del sistema – si è sviluppata ben più rapidamente e cospicuamente che in passato. Come abbiamo già notato, questo si è rivelato vero anche per l’espansione finanziaria guidata dalla Gran Bretagna rispetto all’espansione olandese, e può essere considerato un segno della progressiva intensificazione, da transizione a transizione, della natura capitalistica del sistema. Tuttavia, dietro la sorprendente velocità e dimensione dell’espansione finanziaria statunitense, possiamo riconoscere la stessa combinazione delle tendenze delle precedenti crisi egemoniche.

Negli Stati Uniti, in particolare, come avvenuto nelle crisi egemoniche passate, un’intensificazione della rivalità tra grandi potenze ha giocato un ruolo fondamentale nella trasformazione di una sovra-accumulazione di capitale in una espansione finanziaria. Come analizzeremo nel capitolo 2, tra la fine degli anni Sessanta e i primi anni Settanta, le multinazionali americane guidavano il processo di accumulazione del surplus di capitale nei mercati monetari extraterritoriali, processo che accelerò la crisi del sistema monetario controllato dagli Stati Uniti sancito a Bretton Woods. Per gran parte degli anni Settanta, però, questa tendenza non riuscì a invertire la caduta nei profitti da capitale. Un cambiamento positivo, sia per il capitale che per gli Stati Uniti, si ebbe quando la rivalità si intensificò nel corso di quella che Fred Halliday (1986) ha chiamato la “seconda guerra fredda”. Appena il governo americano cominciò a competere in modo …

Prigionieri civili ucraini in Russia: un destino in bilico

Migliaia di cittadini ucraini sono stati fatti prigionieri dalle forze russe. Non possono comunicare con avvocati e familiari, non hanno possibilità di ricorrere in appello o di essere oggetto di scambi di prigionieri. Quale sarà il loro destino?

popolo kurdo manifestazione

La Turchia non smette di perseguitare il popolo kurdo

In regimi come quello turco le minoranze subiscono numerosi tipi di persecuzione, e sono costrette a vivere in povertà e in condizioni precarie. Yilmaz Orkan, responsabile di Uiki-Onlus – Ufficio di Informazione del Kurdistan in Italia, racconta in questa intervista i tanti aspetti dell’oppressione strutturale esercitata storicamente dai governi turchi nei confronti del popolo kurdo. Un’oppressione dai tratti ancora più feroci negli ultimi decenni: Erdoğan sta facendo di tutto per rendere il Kurdistan una terra invivibile.

In Uganda i profughi si sentono molto più accolti che in Europa

Un tempo l’Uganda era un Paese di transito lungo le rotte migratorie. Chi emigrava dal sud dell’Africa verso Europa e Stati Uniti non avrebbe mai immaginato di trovare lì una nuova patria. Ma grazie ad accorte politiche d’integrazione, che sostanzialmente equiparano gli stranieri ai cittadini locali, il Paese centrafricano ha costruito un sistema modello per l’accoglienza.