Piano Mattei, è l’Italia che ha bisogno dell’Africa

A conti fatti, e considerate ancora molte incertezze in particolare riguardo alla produzione di energia, il Piano Mattei del governo Meloni non è poi una novità. Molti interventi erano già in essere, ma stavolta la percezione è che la cooperazione con i Paesi africani nasca dal bisogno che l'Italia ha dell'Africa, più che il contrario.

Si è aperto con una cena al Quirinale e si è concluso con una foto scattata dall’alto di un drone agli oltre settanta partecipanti. Per il summit del 28 e 29 gennaio scorsi, dal titolo “Italia-Africa. Un ponte per crescere insieme”, le istituzioni italiane hanno scelto come cornice l’Aula di Palazzo Madama, per dare solennità alla giornata. È lì che è stata presentata l’ossatura del Piano Mattei. L’Italia, di fronte alle sempre più pesanti influenze cinesi, russe, turche, indiane nel continente, prova a non rimanere ai margini, ad aprire e consolidare un canale diplomatico con l’Africa.

All’indomani del summit, però, a inseguirsi sui giornali e sui siti di informazione, più delle risposte erano le domande: che cosa prevede, a conti fatti, il Piano Mattei?

L’interesse italiano verso l’Africa non è nuovo. Già nel 2013, con il lancio dell’iniziativa “Italia-Africa”, si era cercato di rilanciare un rapporto con il grande continente. Da allora si sono susseguite visite bilaterali, tre conferenze ministeriali, l’apertura di nuove ambasciate italiane, la tanto attesa riforma della cooperazione allo sviluppo.

Il nuovo governo prova a fare un balzo in avanti: il quarto incontro con l’Africa viene innalzato a vertice, puntando sulla partecipazione non più solo dei ministri, ma dei capi di stato. D’altronde, gli avvenimenti geopolitici degli ultimi tempi hanno cambiato le carte in tavola, e nel nuovo panorama globale l’Africa è diventato un attore cruciale. Non più solo per la vecchia questione dei migranti, ma anche per la nuova questione energetica. L’Africa è al centro di attenzioni sempre più estese. L’Africa interessa.

Prigionieri civili ucraini in Russia: un destino in bilico

Migliaia di cittadini ucraini sono stati fatti prigionieri dalle forze russe. Non possono comunicare con avvocati e familiari, non hanno possibilità di ricorrere in appello o di essere oggetto di scambi di prigionieri. Quale sarà il loro destino?

popolo kurdo manifestazione

La Turchia non smette di perseguitare il popolo kurdo

In regimi come quello turco le minoranze subiscono numerosi tipi di persecuzione, e sono costrette a vivere in povertà e in condizioni precarie. Yilmaz Orkan, responsabile di Uiki-Onlus – Ufficio di Informazione del Kurdistan in Italia, racconta in questa intervista i tanti aspetti dell’oppressione strutturale esercitata storicamente dai governi turchi nei confronti del popolo kurdo. Un’oppressione dai tratti ancora più feroci negli ultimi decenni: Erdoğan sta facendo di tutto per rendere il Kurdistan una terra invivibile.

In Uganda i profughi si sentono molto più accolti che in Europa

Un tempo l’Uganda era un Paese di transito lungo le rotte migratorie. Chi emigrava dal sud dell’Africa verso Europa e Stati Uniti non avrebbe mai immaginato di trovare lì una nuova patria. Ma grazie ad accorte politiche d’integrazione, che sostanzialmente equiparano gli stranieri ai cittadini locali, il Paese centrafricano ha costruito un sistema modello per l’accoglienza.