Questo sito non è più attivo. Per abbonarti a MicroMega o leggere i contenuti a cui sei già abbonato registrati sul nuovo sito www.micromega.net. Se sei già abbonato il tuo abbonamento continuerà a essere valido, ma è necessario registrarsi sulla nuova piattaforma per continuare ad accedere ai contenuti.

Majdan dieci anni dopo, tracce di una rivoluzione che fu anche artistica

Il periodo prolungato delle proteste di Majdan in Ucraina, la loro ormai matura motivazione sociopolitica e il tragico sacrificio che ne è conseguito con l'invasione su larga scala da parte di Putin, hanno dato vita a un’incredibile espressione artistica sia da parte di professionisti sia di amatori attivi nelle piazze della capitale e delle principali città del Paese.
Majdan 2014, Evgen Brytavski

Le grandi rivoluzioni dal basso dell’Ucraina (rivoluzione sul granito – 1989, rivoluzione arancione – 2003-2004, rivoluzione della dignità – 2013-2014) e i tragici eventi accaduti dieci anni fa (l’annessione della penisola di Crimea da parte della Russia nel marzo 2014, lo scoppio del conflitto militare nell’est del Paese, la secessione delle repubbliche separatiste di Donec’k e Luhans’k e, non da meno, l’invasione russa su larga scala del 24 febbraio 2022) sono diventati momenti importanti, fruttuosi e difficili della storia delle arti dell’Ucraina contemporanea. In particolare, le proteste di Euromajdan dell’inverno 2013-2014 hanno dato un enorme impulso alla scena artistica ucraina, accentuando i processi iniziati nel 2004 con la rivoluzione arancione e finendo per spianare la strada ai movimenti e alle iniziative culturali di cui il paese oggi, stretto nella morsa di una guerra di cui non si vede la fine, abbonda.

Il periodo prolungato delle proteste euromaidaniste, la loro ormai matura motivazione sociopolitica e il tragico sacrificio che ne è conseguito, hanno dato vita a un’incredibile espressione artistica sia da parte di professionisti che amatori attivi nelle piazze della capitale e delle principali città del Paese. In effetti, Majdan stesso è diventato una vera e propria opera d’arte. Se nel 2004 c’era stato qualche timido accenno di partecipazione attiva da parte dei rappresentanti della scena artistica, l’esperienza del 2013-2014 ha subito un’impennata emotiva e ha spinto molti autori a scoprire, con l’arte, anche i controversi concetti di patriottismo e nazionalismo. Questo slancio semi-volontario, senza il quale la rivoluzione stessa e le successive vicende militari non sarebbero state possibili, ha inevitabilmente portato alla graduale radicalizzazione del sentimento di destra nella società, all’insicurezza e alle controversie dei movimenti di sinistra e all’intensificazione del nazionalismo, nonché al conseguente fenomeno della decomunistizzazione (accelerato e frettoloso) e a una crisi identitaria e politica affatto indifferente.

Se l’arte è politica, da che parte sta?

Nella fase iniziale di Majdan del novembre-dicembre 2013, la componente artistica ha ancorato l’identità della protesta a un movimento non-violento, che affondava le sue radici nel ricordo della rivoluzione di dieci anni prima, dove la militanza era rappresentata esclusivamente da slogan pacifici e dove arte e parola avevano la meglio sull’azione fisica. L’Euromajdan ha avuto inizio sui social media: il 21 novembre 2013 il giornalista e attivista ucraino Mustafa Nayyem, al tempo deputato alla Verchovna Rada per il blocco democratico, scrisse un post su Facebook che ebbe un impatto enorme sugli sviluppi politici successivi. Frustrato dalla decisione dell’allora presidente Viktor Janukovyč di non firmare l’accordo di associazione con l’Unione Europea, promesso da tempo, Nayyem chiese se ci fossero persone disposte a unirsi a lui e scendere in piaz…

Marie Curie, donna e scienziata tra impegno e libertà

Novant’anni fa moriva Marie Curie, la più importante scienziata del Novecento. Nata in Polonia come Maria Salomea Skłodowska, assunse il nome di Marie Curie in seguito al suo trasferimento in Francia e al matrimonio con Pierre Curie, con cui condivise una straordinaria avventura umana e scientifica. Prima donna ad aver insegnato alla Sorbona e due volte premio Nobel, ha vissuto la sua vita con la convinzione dell’importanza della cultura quale fattore di miglioramento dell’individuo e della società.

Il Civil Rights Act compie sessant’anni: breve storia di un secolo di lotte

Il 2 luglio 1964 il presidente Lyndon B. Johnson firmava la legge che rendeva illegale la segregazione negli Stati Uniti. Ricordare questo evento non può che tradursi nel ripercorrere la storia del movimento per i diritti civili: dai tanti personaggi di spicco – come Martin Luther King, Rosa Parks, Angela Davis – alle persone i cui nomi sono rimasti nell’ombra ma il cui contributo è stato cruciale.

Enrico Berlinguer, conoscerne il pensiero oltre il mito depoliticizzato

Il santino propagandato da media mainstream e conosciuto dalle nuove generazioni è un Enrico Berlinguer dimezzato: ricordato per la sua capacità di creare empatia e connessione sentimentale con un “popolo della sinistra” oramai sempre più rarefatto, ma sostanzialmente depoliticizzato perché espunto da quella tradizione comunista alla quale Berlinguer si rifece, in modo innovativo e creativo, per tutta la sua esistenza, convinto che andasse cercata una via nuova al socialismo e al superamento dell’oppressione capitalistica sull’umanità e sul Pianeta.