Elezioni in Polonia, un Paese spaccato fra paure e speranze

La paura ha certamente avuto un peso nei risultati delle elezioni in Polonia di questo ottobre. Di perdere la sovranità minacciata da una guerra ai confini, o il benessere raggiunto dopo lunghi anni di pesanti sacrifici, o di vedere limitate le libertà personali a causa di una gestione opaca delle forze di polizia e dell’esercito. Ma ha trovato spazio anche la speranza, incarnata dalla vivacità di quella parte di società che mantiene viva la fiaccola della solidarietà e non cede alle sirene del nazionalismo.

Mentre scrivo queste righe, le elezioni in Polonia si sono concluse da qualche ora e lo spoglio parziale delle schede restituisce l’immagine di un Paese profondamente diviso sulle grandi questioni riguardanti il suo futuro, in particolare i rapporti con l’Unione Europea, che hanno segnato la parabola dei nazionalpopulisti polacchi iniziata nel 2015 e ormai giunta al capolinea. A confrontarsi ancora una volta sono state le due Polonie, contrapposte anche sul piano della distribuzione dei voti tra una parte – quella occidentale – in cui le forze liberali e progressiste hanno conquistato la maggioranza dei seggi, e un’altra, la Polonia orientale e delle campagne, in cui a prevalere è stata la “Destra Unita”, euroscettica e avversaria della “Coalizione civica” di Donald Tusk, il vero vincitore di questa storica tornata elettorale. A pesare sulla sconfitta della formazione nazionalpopulista sono state questioni interne e di natura internazionale. I governi succedutisi dal 2015 a oggi hanno prodotto un arretramento della democrazia sul piano dei diritti individuali, del pluralismo dell’informazione e della separazione dei poteri. Proprio quest’ultimo aspetto ha costituito il motivo principale dell’insanabile divergenza con l’Ue, sfociata nelle sanzioni comunitarie e nel congelamento dei finanziamenti straordinari destinati allo Stato polacco.

Negli ultimi anni, le questioni internazionali che hanno eroso il consenso della compagine governativa sono state fondamentalmente due: la pandemia e la guerra in Ucraina, cui si è aggiunta un’inflazione galoppante che ha colpito prevalentemente le classi meno abbienti. Il partito di “Diritto e Giustizia“, nonostante un contesto internazionale che ha messo a dura prova la tenuta della coalizione di maggioranza, e che in altre realtà europee ha causato la caduta dei governi e lo stravolgimento del quadro politico nazionale, domenica è riuscito a conquistare quasi il 37% dei voti rimanendo di gran lunga il primo partito nel Sejm. I circa otto milioni di cittadini che hanno votato per i neonazionalisti hanno creduto al sogno di grandeur polacca coltivato da Jarosław Kaczyński.

La Polonia, come è stato detto, da Paese “paradiso degli investimenti stranieri e della manodopera a basso costo” (parole di Morawiecki) è diventata lo Stato in cui l’economia cresce maggiormente su base annua in Europa e che si pone ragionevolmente l’obiettivo “di raggiungere nel giro di pochi anni il livello di sviluppo della Francia e della Germania”, citando Kaczyński. Oltre ai sogni di grandezza, che hanno fatto breccia in una coscienza comune in cui l’eredità dei traumi storici nazionali gioca un ruolo di primaria importanza, Kaczyński ha tentato di cavalcare la paura derivante dalla guerra e dalle mire putiniane su questa parte d’Europa che Tusk, al tempo in cui era stato premier, avrebbe colpevolmente avvallato allineandosi alla politica di Angela Merkel nei confronti della Russia e tradendo l’interesse nazionale in cambio della carica di Presidente del Consiglio Europeo. Certamente la paura ha avuto un suo peso nel decidere l’esito della consultazione elettorale di domenica sco…

Cannes 2024: lontano dal red carpet, i 10 film da non perdere

Nonostante i media diano più spesso spazio a quanto avviene sul red carpet, il Festival di Cannes rimane soprattutto cinema. Un cinema fatto anche di tanti gioielli che spesso sfuggono dai radar e che proprio per questo vi segnaliamo qui, con tanto di titoli, autori, trame e trailer.

Olga Karach, riscoprire il senso della lotta bielorussa per la democrazia

Cresce il numero di persone che dalla Bielorussia di Aleksandr Lukašenka fugge all’estero, con il risultato che buona parte dell’opposizione che spera in un cambiamento democratico si trova nei Paesi baltici, in Polonia o in altre nazioni europee, da dove prosegue la lotta per il rispetto dei diritti umani e per la fine del regime. È anche il caso di Olga Karach, candidata al Nobel per la Pace e vincitrice del premio Langer, che si occupa di sostenere i disertori bielorussi e in generale la diaspora del suo popolo.