Berlusconi, 30 anni fa la favoletta dell'”improvvisa” discesa in campo

Il 26 gennaio 2024 dovrebbe ricorrere il trentennale del celebre discorso della discesa in campo di Silvio Berlusconi. Un condizionale che vuole sottolineare come quella sia una data farlocca, uno spartiacque cronologico buono per la vulgata, poiché l’entrata del Cavaliere nell’agone della politica è stata preparata molto prima. Soprattutto negli Stati Uniti, con la svolta reaganiana e i metodi comunicativi dei think thanks di estrema destra.

Berlusconi è il più grande piazzista che

ci sia, non in Italia, ma nel mondo”.[1]

Indro Montanelli

Geniale, disinvolto, padrone di sé e di facile

comunicativa, suscitava qualche invidia il

suo buon gusto nel vestire”.[2]

Sandro Bondi

Una cronologia farlocca

Le cronache indicano nel 26 gennaio 1994 la data della fatidica discesa nell’arena della politica nazionale di Silvio Berlusconi; trent’anni fa, ma anche due anni dopo il terremoto forza dodici di Tangentopoli, che il 17 febbraio 1992 – con l’arresto dell’amministratore craxiano del Pio Albergo Trivulzio, Mario Chiesa – determinò il collasso e poi la dissoluzione del sistema di potere nella tarda Prima Repubblica. Ossia l’annuncio della costituzione promossa dal tycoon di un partito politico – Forza Italia – candidato a raccogliere le spoglie delle forze liberal-democratiche e dei rispettivi elettorati che la stagione giudiziaria, avviata dalla Procura di Milano, aveva irrimediabilmente destabilizzato.

Questa la vulgata corrente, con relativa cronologia ufficiale, ad uso di chi voleva (e si ostina tuttora a) credere alle narrazioni illusionistiche che improntano fin dall’inizio la retorica berlusconiana. Ossia la leggenda di un’epica cavalcata che nel giro di due mesi (26 gennaio/27 marzo) porta un’invenzione estemporanea ad assurgere a primo partito italiano con oltre il 21% dei suffragi, tanto da consentire al proprio (sedicente) leader dilettante di farsi nominare capo del governo il 10 maggio di quello stesso anno.

Questo per mettere in preallarme chi volesse appurare quanto sta dietro le quinte della messa in scena dell’apparente remake di Mr. Smith va a Washington (il film di Frank Capra del 1939 in cui un onesto cittadino, fuori dai giochi di potere, sconfigge i politici disonesti e maneggioni), allestita da un personaggio da sempre limitrofo al sistema partitico italiano, vuoi negli scambi affaristici (il via libera non disinteressato del PCI alla conquista del monopolio pubblicitario televisivo dell’allora Unione Sovietica), sia – soprattutto – come ufficiale pagatore del leder socialista Bettino Craxi, beneficiario degli affari immobiliaristici e non solo nell’area milanese amministrata dai sindaci PSI.

Quel Craxi che, presentendo la fine della sua rendita di posizione nazionale, da tempo sollecitava il fido Silvio a predisporsi come soluzione di riserva nel caso del crollo della Prima Repubblica. Mettendo a frutto il suo patrimonio di visibilità televisiva (sino ad allora tutelato proprio da leader socialista) e calcistica. Missione a cui Berlusconi si preparava coinvolgendo la potente macchina a disposizione per la raccolta pubblicitaria (Publitalia, guidata dal fido Marcello Dell’Utri, uno dei più sfegatati propugnatori della “discesa in campo” del boss) e mettendo all’opera gli spiriti animali con cui si era fatto largo, sgomitando alla grande nel mondo del business: l’ultra-spregiudicatezza e l’abilità imbonitoria. In entrambi i casi, un’incommensurabile pratica di cinismo.

Difatti, se qualcuno si prendesse la briga di investigare riguardo al succitato “dietro le quinte”, scoprirebbe quanto già ben si sapeva negli ambienti a…

Prigionieri civili ucraini in Russia: un destino in bilico

Migliaia di cittadini ucraini sono stati fatti prigionieri dalle forze russe. Non possono comunicare con avvocati e familiari, non hanno possibilità di ricorrere in appello o di essere oggetto di scambi di prigionieri. Quale sarà il loro destino?

popolo kurdo manifestazione

La Turchia non smette di perseguitare il popolo kurdo

In regimi come quello turco le minoranze subiscono numerosi tipi di persecuzione, e sono costrette a vivere in povertà e in condizioni precarie. Yilmaz Orkan, responsabile di Uiki-Onlus – Ufficio di Informazione del Kurdistan in Italia, racconta in questa intervista i tanti aspetti dell’oppressione strutturale esercitata storicamente dai governi turchi nei confronti del popolo kurdo. Un’oppressione dai tratti ancora più feroci negli ultimi decenni: Erdoğan sta facendo di tutto per rendere il Kurdistan una terra invivibile.

In Uganda i profughi si sentono molto più accolti che in Europa

Un tempo l’Uganda era un Paese di transito lungo le rotte migratorie. Chi emigrava dal sud dell’Africa verso Europa e Stati Uniti non avrebbe mai immaginato di trovare lì una nuova patria. Ma grazie ad accorte politiche d’integrazione, che sostanzialmente equiparano gli stranieri ai cittadini locali, il Paese centrafricano ha costruito un sistema modello per l’accoglienza.