Questo sito non è più attivo. Per abbonarti a MicroMega o leggere i contenuti a cui sei già abbonato registrati sul nuovo sito www.micromega.net. Se sei già abbonato il tuo abbonamento continuerà a essere valido, ma è necessario registrarsi sulla nuova piattaforma per continuare ad accedere ai contenuti.

La Polonia in cerca della sua democrazia. Intervista ad Adam Michnik.

Negli ultimi anni, un Paese democratico dopo l'altro è stato tentato - a volte fatalmente - dal fascino dei populisti autoritari che promettevano di difendere la sicurezza economica degli elettori e i valori "tradizionali". Dalle elezioni politiche di ottobre, la Polonia si è mossa nella direzione opposta, anche se ripristinare lo Stato di diritto e rinvigorire la democrazia liberale dopo otto anni di malgoverno di destra non sarà un processo semplice. Adam Michnik, fondatore e direttore del quotidiano "Gazeta Wyborcza", ne parla in questa intervista.

Con l’arrivo del 2024, la Polonia ha un nuovo governo di coalizione, ma l’estromesso partito Diritto e Giustizia (PiS) non sembra aver fatto i conti con la propria sconfitta. Perché?
È molto difficile ammettere la sconfitta quando si è convinti di poter rimanere al potere fino alla fine del mondo. L’arroganza, la megalomania e la mancanza di immaginazione della leadership del PiS sono di nuovo sotto gli occhi di tutti. Il PiS ha ottenuto un ottimo risultato elettorale: oltre il 35% dei voti. Dopo quello che hanno fatto quando erano al potere, non avrebbero dovuto ricevere nemmeno un quinto di quei voti. Ma il risultato delle elezioni è comunque trasparente: hanno ricevuto un cartellino rosso. Non sono stati in grado di formare un governo.
Ma questo è solo l’inizio della corsa, perché il PiS cercherà di agitare le acque il più possibile nel tentativo di rovesciare il nuovo governo. Ora tutto dipende dalla misura in cui il nuovo governo riuscirà a cambiare la Polonia e ad attirare parte dell’elettorato del PiS. Si può dire che il peggio è alle spalle, ma il difficile comincia adesso.

Quanto è diverso il cambiamento politico in corso oggi rispetto all’uscita dal comunismo nel 1989?Radicalmente diverso. Allora il regime stava crollando; era un momento storico e costitutivo. La dittatura era guidata da persone che sapevano che il progetto del socialismo o del comunismo aveva perso. Si chiedevano come trovare un posto per loro stessi nella nuova realtà ed erano pronti a rispettare le regole del gioco. 
Il Presidente [Wojciech] Jaruzelski all’epoca era pienamente fedele al governo non comunista di [Tadeusz] Mazowiecki. Al contrario, [l’attuale Presidente Andrzej] Duda, o meglio, [il leader del PiS Jarosław] Kaczyński, è completamente sleale nei confronti del nuovo governo, anche se ha un mandato politico. Nel 1989 volevano un accordo, oggi no. Nel 1989, coloro che servivano il vecchio regime volevano partecipare alla nuova realtà; oggi i loro omologhi la contestano. Vogliono che tutto rimanga come prima.

Cosa significa concretamente R…

Marie Curie, donna e scienziata tra impegno e libertà

Novant’anni fa moriva Marie Curie, la più importante scienziata del Novecento. Nata in Polonia come Maria Salomea Skłodowska, assunse il nome di Marie Curie in seguito al suo trasferimento in Francia e al matrimonio con Pierre Curie, con cui condivise una straordinaria avventura umana e scientifica. Prima donna ad aver insegnato alla Sorbona e due volte premio Nobel, ha vissuto la sua vita con la convinzione dell’importanza della cultura quale fattore di miglioramento dell’individuo e della società.

Il Civil Rights Act compie sessant’anni: breve storia di un secolo di lotte

Il 2 luglio 1964 il presidente Lyndon B. Johnson firmava la legge che rendeva illegale la segregazione negli Stati Uniti. Ricordare questo evento non può che tradursi nel ripercorrere la storia del movimento per i diritti civili: dai tanti personaggi di spicco – come Martin Luther King, Rosa Parks, Angela Davis – alle persone i cui nomi sono rimasti nell’ombra ma il cui contributo è stato cruciale.

Enrico Berlinguer, conoscerne il pensiero oltre il mito depoliticizzato

Il santino propagandato da media mainstream e conosciuto dalle nuove generazioni è un Enrico Berlinguer dimezzato: ricordato per la sua capacità di creare empatia e connessione sentimentale con un “popolo della sinistra” oramai sempre più rarefatto, ma sostanzialmente depoliticizzato perché espunto da quella tradizione comunista alla quale Berlinguer si rifece, in modo innovativo e creativo, per tutta la sua esistenza, convinto che andasse cercata una via nuova al socialismo e al superamento dell’oppressione capitalistica sull’umanità e sul Pianeta.