Con contributi di Pierfranco Pellizzetti, Robert Boyers, Helmut Ortner, Gabriele Giacomini, Roberto Mordacci, Renato Fioretti, Giada Pari.

Redazione

È pensabile affrontare l’incommensurabile salto della riconversione energetica (che si preannuncia lunga e ad altissimi costi sociali) lasciando inalterati gli architravi sui quali poggia l’attuale modello neoliberista? In questo numero di MicroMega+ ne discutono Pierfranco Pellizzetti ed Edoardo Garrone, presidente del Gruppo ERG (“Le sfide della transizione energetica e il futuro dell’economia”).

Molti insegnanti vorrebbero proteggere gli studenti dai libri e dalle opere d’arte impegnative o controverse. A persone così intolleranti – si domanda Robert Boyers, direttore della rivista Salmagundi (“Strumenti di oppressione? In difesa dell’insegnamento dei classici”) – può essere consentito di prendere il comando delle nostre scuole?

Non viviamo in uno Stato di Dio ma in uno Stato della Costituzione in cui vige la libertà di religione: ognuno può credere, nessuno è costretto a farlo. Credenti, diversamente credenti e non credenti devono convivere. Ma – argomenta Helmut Ortner (“Prima il cittadino, poi il credente”) – lo Stato in sé deve essere senza Dio.

La pandemia e le dinamiche dei social network hanno accresciuto la polarizzazione del dibattito pubblico in fazioni opposte e inconciliabili. Come se ne esce? Secondo Gabriele Giacomini e Roberto Mordacci (“La pandemia, Internet e lo spettatore imparziale”) adottando, sulla scorta di Adam Smith, un punto di vista imparziale ma partecipe.

Dal 2001 al 2021 la classe dominante del nostro Paese ha realizzato una vera e propria controrivoluzione per ridurre le conquiste sociali dei lavoratori. Nell’articolo “Dal ‘Libro bianco’ al ‘Sostegni bis’: una sconfitta annunciataRenato Fioretti ripercorre le tappe principali di un’offensiva padronale pericolosamente avviata a perdurare nel tempo.

Recentemente, complice la pandemia, anche in Italia si è iniziato a parlare in maniera importante del nomadismo digitale. Nel podcast “Nomadi Digitali” di Giada Pari, Alberto Mattei, fondatore di nomadidigitali.it, racconta gli albori e gli sviluppi di questo stile di vita che oggi è diventato un trend in crescita.

Buona lettura e buon ascolto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La cartolina ritrovata. Antonio Cederna e i bambini

Il figlio Giulio ricostruisce il graduale emergere nella produzione di Antonio Cederna di una specifica attenzione ai bisogni dell’infanzia. Attenzione che, dall’inizio degli anni Sessanta, ritorna in continuazione negli interventi sull’urbanistica, la città pubblica, le periferie, con la richiesta di parchi, aree gioco, asili, scuole, servizi e spazi pensati e progettati per bambini e ragazzi.

La pianificazione urbanistica per battere i vandali

Nelle centinaia di articoli scritti da Antonio Cederna la messa a valore culturale dell’antico è il passo necessario per la costruzione di un assetto moderno e funzionale di città in grado di facilitare la convivenza, mitigare le disuguaglianze e produrre bellezza.