MicroMega+, la presentazione del numero del 24 dicembre 2021

Speciale cinema. I protagonisti di questo numero: Gian Maria Volonté, Mario Monicelli, Alfred Hitchcock, Francis Ford Coppola, Ennio Morricone, Michael Cimino.

Redazione

Dopo il numero di MicroMega+ dedicato alla letteratura uscito a Ferragosto (con racconti di Yehoshua, Tabucchi, Hrabal, Lucarelli, Vázquez Montalbán e Ben Jelloun), in occasione delle festività natalizie proponiamo ai lettori un numero speciale della newsletter tutto cinematografico, dedicato ad alcuni tra i più grandi protagonisti della settima arte (Volonté, Monicelli, Hitchcock, Coppola, Morricone, Cimino), con interviste e testimonianze selezionate dall’archivio della rivista.

Ad aprire il numero, i registi Francesco Rosi e Giuliano Montaldo e il critico Felice Laudadio – in un dialogo a cura di Federico Pontiggia – ricordano chi era davvero il più grande “uomo contro” del cinema italiano: Gian Maria Volonté (“Gian Maria Volonté: un uomo contro, un attore geniale”). Icona del cinema impegnato, attore dalle straordinarie capacità tecniche, che con i suoi film e i suoi personaggi ha sempre cercato di mettere a nudo l’arroganza e l’ottusità del potere.

A seguire, un viaggio imperdibile nella storia del cinema italiano: una lunga conversazione con Mario Monicelli (“La commedia è una cosa seria“) nella quale il grande regista ripercorre tutta la sua carriera, regalando al lettore perle e aneddoti: dal progetto – mai andato in porto – con Italo Calvino alla pellicola (basata sui Ragazzi della via Paal) che gli aprì le porte del cinema, dalla genesi dell’Armata Brancaleone a quella di Amici miei, dalla (sterile) contrapposizione tra autore e artigiano al senso più profondo della commedia all’italiana.

I cinque film che meglio rappresentano il suo talento e la pellicola che invece, potendo tornare indietro, non avrebbe girato; l’ossessione di evitare i cliché e quella di mettere tutto il film su carta, per evitare ogni improvvisazione; l’attenzione per i dettagli e il rapporto con gli attori, per molti versi simili a bambini. Intervistato da Richard Schickel in occasione dell’uscita di quello che sarà il suo ultimo film – Complotto di famigliaAlfred Hitchcock ripercorre la sua lunghissima carriera: “L’uomo che visse 60 volte (più una)“. 

La lezioni di un maestro che non vuole dare lezioni“. In questa conversazione con Gian Luca Farinelli e Paolo Mereghetti, il regista Francis Ford Coppola svela trucchi e segreti del mestiere: come trasforma un’idea in un soggetto, in quale momento della giornata lavora meglio, quando ha deciso di diventare un regista, come realizzare un film senza un soldo in tasca.

“Mentre da giovane ritenevo esistesse una musica ‘assoluta’ e una per il cinema, nel tempo – con l’esperienza – ho capito come tra i due ambiti espressivi esistano convergenze profonde. È così che ho musicato i film di Leone, Pasolini, Pontecorvo, Petri, Malick e De Palma; nella consapevolezza che cinema e musica sono arti della temporalità, la cui alleanza si consuma nello scorrere di secondi, minuti, ore”. La testimonianza del maestro Ennio Morricone: Il mio cinema in pentagramma”.

“Cominciare a fare film è stato solo un errore, uno dei più grandi della mia vita”. Michael Cimino, autore dell’indimenticabile Il cacciatore, in questa conversazione con Fabrizio Tassi (“Il cinema è una verità che mente di continuo“) che ha il sapore delle confessioni, racconta della sua vita, delle sue amicizie, delle sue passioni letterarie. E della speranza di un nuovo Rinascimento.

Buona lettura e buone feste dalla redazione di MicroMega!

Cosa può fare la sinistra per il popolo ucraino?

Mentre la situazione sul campo continua a essere molto complicata in Ucraina, la sinistra ha ancora moltissimo da dire e da fare in supporto della popolazione che ha subito l’invasione. Non è necessario essere d’accordo su tutto, e bisogna distinguere fra le élite del Paese e i suoi lavoratori e lavoratrici, ovvero coloro che hanno bisogno del massimo supporto internazionale per continuare a resistere all’invasore e per ricostruire una Ucraina futura più giusta e democratica.

Due anni di guerra in Ucraina: chi sta pensando al dopo?

I due anni di guerra della Russia contro l’Ucraina iniziati il 24 febbraio 2022 hanno consolidato il Paese, ma anche aperto nuove ferite e paradossi all’interno della sua eterogenea società. Oggi che il patriottismo iniziale si sta spegnendo, quasi fosse alla fine di un processo naturale, lasciando spazio al dolore strumentalizzato da un nuovo tipo di risentimento nazionalista, la politica, l’esercito e la cittadinanza si trovano di fronte a scelte decisive per il futuro del Paese. Nel difendere ogni centimetro di territorio dall’espansionismo russo, Kyiv deve evitare di diventare una nuova Mosca.