Dacci la nostra Pravda quotidiana

Mentre simpatizzo e nel mio possibile appoggio tutti i cittadini russi che mettono a repentaglio libertà e vita per opporsi a Putin, non mi pare invece straordinario il coraggio con cui i leader d’opinione occidentali deprecano la crudeltà del satrapo orientale. Anche per lo sgradevole retrogusto di viltà in quel continuo “Armiamovi e partite” che viene martellato senza sosta da un anno e mezzo: è facile fare gli eroi con la vita degli altri.

Mögen andere von ihren Schande sprechen,
ich spreche von der meine.

Parlino altri della propria vergogna,
io parlo della mia

Bertold Brecht, Deutschland, 1933


Inizio anni Settanta del secolo scorso. Uno statunitense e un sovietico discutono su quale dei loro due regimi sia più libero. Alla fine lo statunitense sbotta: “Ma noi possiamo criticare Nixon!” E il sovietico: “E allora? Anche noi possiamo criticare Nixon”. Si tenga presente che Richard Nixon era assai più che criticabile: la sua amministrazione fu responsabile dei peggiori massacri e bombardamenti in Vietnam, dello sterminio fisico delle Pantere Nere in patria, del sanguinoso golpe del generale Pinochet in Cile, dell’avvio del piano Condor di eliminazione della sinistra in America latina. E chi più ne ha, più ne metta.
Oggi sembra che siamo noi occidentali a trovarci nella situazione del sovietico brezneviano: “Anche noi siamo liberi di criticare Putin”. Sia ben chiaro: Vladimir Putin è un vero reazionario, con la sua visione ottocentesca della nazione, il suo rimpianto per l’epoca degli zar, il suo fervore cristiano ortodosso, la sua alleanza di ferro con una delle gerarchie ecclesiastiche più codine al mondo, la sua visione feudale del capitalismo di stato, la corruzione dilagante che ha consentito e incoraggiato, le sue stragi in Cecenia, la
repressione del dissenso, la suicidaria invasione dell’Ucraina che da un lato ci ha riportato alle anacronistiche guerre territoriali e di trincea, e dall’altro fa rischiare al pianeta un olocausto atomico per un territorio, il Donbass, di cui quasi nessuno dieci anni fa conosceva l’esistenza. Per misurare l’entità del boomerang putiniano, basti pensare che, come ha ricordato Timothy Garton Ash, ancora nel 2013 l’80% degli ucraini aveva un’opinione positiva della Russia. E chi più ne ha, più ne metta. Ma non avremmo ammirato molto i sovietici che nell’era brezneviana avessero criticato con veemenza l’inumanità e la ferocia di Nixon: non ci avrebbe impressionato se qualche esponente di Leningrado lo avesse paragonato a un nuovo Hitler. Nello stesso modo, mentre simpatizzo e – nel mio possibile – appoggio tutti i cittadini russi che mettono a repentaglio libertà e vita per opporsi a Putin, non mi pare invece straordinario il coraggio con cui i leader d’opinione occidentali deprecano la crudeltà del satrapo orientale (ma svanirà mai il liso topos retorico del “dispotismo orientale” del “pentito” Karl August Wittfogel?). Anche per lo sgradevole retrogusto di viltà in quel continuo “Armiamovi e partite” che viene martellato senza sosta da un anno e mezzo: è facile fare gli eroi con la vita degli altri.

La verità è che sotto i nostri occhi sta prendendo corpo un fenomeno inedito, che per alcuni aspetti replica il passato, e però non vi aderisce. Per la divisione del mondo in bianco e nero, in buoni e cattivi, cui assistiamo, ricorderebbe il Maccartismo degli anni ‘50. Per le generazioni che non ricordano, il termine prese il nome dal senatore degli Stati uniti Joseph McCarthy che nei primi anni ’50 del secolo scorso diresse la commissione senatoriale contro le attività antiamericane, e in pratica scatenò la caccia alle streghe contro chiunque (attori, registi, giornalisti, musicisti, scrittori, diplomatici, persino militari) sospettato di essere comunista. Non a caso a questa caccia alle streghe partecipò Wittfogel che nel 1951 accusò il capodelegazione all’Onu e ambasciatore canadese Herbert Norman di essere un agente comunista. Norman negò tutto, ma nel 1957 fu di nuovo posto sotto accusa e si suicidò al Cairo. In nome di una caccia alle spie e ai traditori, il maccartismo privava i suoi bersagli del lavoro, …

Prigionieri civili ucraini in Russia: un destino in bilico

Migliaia di cittadini ucraini sono stati fatti prigionieri dalle forze russe. Non possono comunicare con avvocati e familiari, non hanno possibilità di ricorrere in appello o di essere oggetto di scambi di prigionieri. Quale sarà il loro destino?

popolo kurdo manifestazione

La Turchia non smette di perseguitare il popolo kurdo

In regimi come quello turco le minoranze subiscono numerosi tipi di persecuzione, e sono costrette a vivere in povertà e in condizioni precarie. Yilmaz Orkan, responsabile di Uiki-Onlus – Ufficio di Informazione del Kurdistan in Italia, racconta in questa intervista i tanti aspetti dell’oppressione strutturale esercitata storicamente dai governi turchi nei confronti del popolo kurdo. Un’oppressione dai tratti ancora più feroci negli ultimi decenni: Erdoğan sta facendo di tutto per rendere il Kurdistan una terra invivibile.

In Uganda i profughi si sentono molto più accolti che in Europa

Un tempo l’Uganda era un Paese di transito lungo le rotte migratorie. Chi emigrava dal sud dell’Africa verso Europa e Stati Uniti non avrebbe mai immaginato di trovare lì una nuova patria. Ma grazie ad accorte politiche d’integrazione, che sostanzialmente equiparano gli stranieri ai cittadini locali, il Paese centrafricano ha costruito un sistema modello per l’accoglienza.