MicroMega+ del 5 aprile 2024

Con contributi di: Peter Beinart, Sara Chessa, Manuel Bianco, Francisco Scalese, Anna Paola Lacatena e Fabio Bartoli

Redazione

Questa settimana parliamo di:
Israele e la nuova Nakba, un vecchio progetto; la sentenza sul permesso di appello di Assange; l’attuale governo e la sua incoscienza riguardo il nucleare; Apple Vision e il digitalismo virtuale; le emoji e l’assenza di empatia; 30 anni senza Kurt Cobain.

GAZAIsraele puntava a una nuova Nakba da ben prima del 7 ottobre di Peter Beinart
Nella società e negli ambienti politici israeliani già un anno fa era molto diffuso il parere favorevole all’espulsione in massa dei palestinesi. Lo scempio in corso a Gaza non è una risposta agli attacchi del 7 ottobre: questo articolo, pubblicato il 19 aprile 2023 dalla rivista “Jewish Currents”, ne preconizzava l’attuazione, chiedendosi nel titolo “Israele sta programmando una nuova Nakba?“. La raccolta di numerose dichiarazioni di esponenti dell’establishment israeliano e il disvelamento dei loro piani fa capire che quanto accade oggi a Gaza e in Cisgiordania ha poco a che fare con Hamas.

IL PROCESSO Assange, comprendere la sentenza sul permesso di appello tra legalità e politica di Sara Chessa
Il 26 marzo 2024 i giudici dell’Alta Corte britannica hanno reso noto il verdetto sul permesso di appello, ammettendo quest’ultimo solo per alcuni punti sollevati dagli avvocati difensori e solo nel caso in cui gli Stati Uniti non presentino, entro il 16 aprile, delle rassicurazioni diplomatiche che verranno valutate dai giudici il 20 maggio prossimo. Per comprendere il verdetto è necessario analizzare sia le ultime fasi della battaglia legale sia le specificità del momento politico attuale.

TECNICA E POLITICANucleare di quarta generazione: il giorno della marmotta dell’ultima spiaggia di Manuel Bianco
Con il governo Meloni si è tornato a parlare di nucleare civile. La sensazione è che lo si faccia per ragioni ideologiche e interessi economici e non sulla base di considerazioni tecniche. Queste infatti ci dicono che, nonostante le centrali di quarta generazione saranno certamente “più” sicure di quelle precedenti, l’errore umano o l’evento inaspettato sono sempre possibili e, trattandosi di energia nucleare, una prima volta basta e avanza per avere conseguenze disastrose.

FILOSOFIA DEL DIGITALELa realtà diminuita di Apple Vision di Francisco Scalese
Ogni qualvolta si parla di mondi simulati, come nel caso dell’esperienza promessa da Apple Vision, entra in vigore una specie di riduzionismo empirista, per il quale basterebbe prendere un cervello e collegarlo ad una macchina capace di somministrare segnali elettrici e illuderlo così dell’esistenza di una realtà digitale surrogata. Senza tener conto né delle strutture cognitive pregresse né dell’ambiente in cui tale soggetto si sviluppa.

RELAZIONIRemoti e ridenti: le emoji come simbolo dell’assenza di empatia di Anna Paola Lacatena
Oggi viviamo molto tempo connessi alla rete e tante delle nostre conversazioni si svolgono a distanza. In questo modo di comunicare le emoji la fanno da padrone. Simbolo della comunicazione visiva, le emoji rappresentano una comunicazione che avviene attraverso la vista, uno dei sensi meno coinvolgenti, che ci fa percepire gli altri come lontani. Vittima di questa lontananza è l’empatia, la cui assenza è all’origine di molti fenomeni sociali aberranti in cui l’altro trova spazio se non come oggetto del nostro narcisismo.

IL MITO30 anni fa, il suicidio di Kurt Cobain lasciò in lutto un’intera generazione di Fabio Bartoli
Il 5 aprile 1994 Kurt Cobain si toglieva la vita nella sua villa sul lago Washington. Con la sua band, i Nirvana, aveva incarnato il bisogno di autenticità di una generazione che non si riconosceva e non poteva più riconoscersi negli artefatti anni Ottanta. Il successo planetario giunto con l’album “Nevermind”, unito a problematiche pregresse e personali, aveva però gettato Cobain in una profonda crisi di identità in seguito al tradimento dei presupposti dell’alternative rock. L’album di reazione a “Nevermind”, il grezzo ed essenziale “In Utero”, contiene già all’interno indizi del furioso desiderio di annichilimento del cantante e anticiperà di pochi mesi il suo suicidio. A distanza di trent’anni, di Cobain e dei suoi Nirvana rimangono la musica, l’eredità di un percorso artistico e umano inestricabilmente legati e il lascito di una rivoluzione culturale che aveva catapultato l’alternative rock in una dimensione mainstream.

MicroMega+ del 24 maggio 2024

Con contributi di: Mario Sesti, Olga Karach, Francesco Brusa, Valeria Rando, Christian Elia, Antonio Vigilante e Nicolò Cenetiempo

Cannes 2024: lontano dal red carpet, i 10 film da non perdere

Nonostante i media diano più spesso spazio a quanto avviene sul red carpet, il Festival di Cannes rimane soprattutto cinema. Un cinema fatto anche di tanti gioielli che spesso sfuggono dai radar e che proprio per questo vi segnaliamo qui, con tanto di titoli, autori, trame e trailer.