Questo sito non è più attivo. Per abbonarti a MicroMega o leggere i contenuti a cui sei già abbonato registrati sul nuovo sito www.micromega.net. Se sei già abbonato il tuo abbonamento continuerà a essere valido, ma è necessario registrarsi sulla nuova piattaforma per continuare ad accedere ai contenuti.

MicroMega+, il numero del 2 febbraio 2024

Con i contributi di: Rossella Guadagnini, Checchino Antonini, Nicolò Bellanca, Irena Grudzińska Gross, Giovanni Arrighi, Beverly J. Silver, Bruno Segre.

Redazione

Su MicroMega+ di questa settimana parliamo di:

L’autonomia differenziata e la risposta della sinistra; negli USA cala la violenza ma la polizia uccide sempre di più; perché votiamo Trump e altri autocrati populisti; la Polonia in cerca della sua identità politica; come cambiano le egemonie globali; in ricordo di Bruno Segre.

BATTAGLIE Se l’autonomia differenziata fa un passo avanti, la sinistra ne deve fare due di Rossella Guadagnini

Il ricompattamento delle forze di sinistra a contrasto dell’autonomia differenziata è finora l’unico evento positivo del nuovo anno, tra il peso della crisi economica e due tragiche guerre. Nell’arco parlamentare e non, Partito democratico, Movimento 5 Stelle, Alleanza Verdi Sinistra, Sinistra Italiana, Unione Popolare, Rifondazione comunista si sono schierati con i sindaci meridionali, i sindacati, la scuola, i medici e istituzioni di alto profilo: da Confindustria a Bankitalia, dalla Corte dei Conti allo Svimez, dall’Ufficio Parlamentare di Bilancio alla Commissione Europea, passando per i vescovi della Cei.

ABUSO DI POTEREUSA, diminuisce la violenza ma la polizia uccide di più di Checchino Antonini

Nel 2023 i poliziotti americani hanno ucciso più persone di quante ne abbiano uccise negli anni precedenti, un incremento in alcun modo giustificabile, anche alla luce del fatto che il tasso di violenza della società americana è in diminuzione. Tre anni e mezzo dopo le grandi proteste per l’omicidio di George Floyd, gli Stati Uniti sono tornati alla placida accettazione dell’ingiustizia sistemica. Ma c’è del marcio non solo a Washington.

AUTORITARISMOTrump e le altre democrature: perché votiamo chi ci fa stare peggio di Nicolò Bellanca

Se Trump vincerà le prossime elezioni americane la democrazia negli Stati Uniti subirà un durissimo colpo. Ma non si tratterebbe di un caso isolato perché segnali di allarme derivanti dall’arretramento democratico liberale e dalla rinascita autoritaria in altri Paesi giungono da ogni parte del globo. Ma quali sono i meccanismi che nell’ambito dell’agire politico portano gli elettori a scegliere soluzioni che portano a un peggioramento della stessa società in cui vivono? E in che modo l’affermazione perentoria di regimi autoritari li porterebbe a radicarsi ulteriormente?

L’INTERVISTALa Polonia in cerca della sua democrazia. Intervista ad Adam Michnik di Irena Grudzińska Gross

Negli ultimi anni, un Paese democratico dopo l’altro è stato tentato – a volte fatalmente – dal fascino dei populisti autoritari che promettevano di difendere la sicurezza economica degli elettori e i valori “tradizionali”. Dalle elezioni politiche di ottobre, la Polonia si è mossa nella direzione opposta, anche se ripristinare lo Stato di diritto e rinvigorire la democrazia liberale dopo otto anni di malgoverno di destra non sarà un processo semplice. Adam Michnik, fondatore e direttore del quotidiano “Gazeta Wyborcza”, ne parla in questa intervista.

MUTAMENTI Geopolitica e alta finanza: la biforcazione del potere militare e finanziario globale di Giovanni Arrighi e Beverly J. Silver

Mimesis ha da poco ripubblicato il saggio di Giovanni Arrighi con la sociologa Beverly J. Silver dal titolo “Caos e governo del mondo. Come cambiano le egemonie e gli equilibri planetari”. Si tratta di un saggio del 1999 nel quale Arrighi, tra i padri della teoria del sistema-mondo, intuisce con un certo anticipo la crisi dell’egemonia statunitense attraverso l’osservazione delle transizioni di potere avvenute in passato. Grazie all’editore ne pubblichiamo un estratto in cui la dinamica del mutamento al vertice del potere globale viene analizzata attraverso l’intreccio di geopolitica e alta finanza.

IL RICORDOIo, avvocato partigiano di Giustizia e Libertà di Bruno Segre

In ricordo di Bruno Segre, scomparso pochi giorni fa, ripubblichiamo questo testo tratto da “MicroMega 3/2015” in cui ripercorre gli anni del carcere, le rocambolesche fughe, le amicizie, i due fortuiti incontri con Umberto di Savoia, le battaglie. Il ricordo degli anni dal ’42 al ’44 di un antifascista della prima ora, partigiano di Giustizia e libertà, e successivamente protagonista di tante battaglie per i diritti civili nell’Italia repubblicana, dall’obiezione di coscienza al servizio militare al divorzio. Che si diceva convinto: “Lo spirito della Resistenza vive e vivrà sempre”.

MicroMega+ del 5 luglio 2024

Con contributi di Martino Mazzonis, Claudia Fanti, Rossella Guadagnini, Ingrid Colanicchia, Mattia Gambilonghi, David Tozzo e Silvano Fuso.

Marie Curie, donna e scienziata tra impegno e libertà

Novant’anni fa moriva Marie Curie, la più importante scienziata del Novecento. Nata in Polonia come Maria Salomea Skłodowska, assunse il nome di Marie Curie in seguito al suo trasferimento in Francia e al matrimonio con Pierre Curie, con cui condivise una straordinaria avventura umana e scientifica. Prima donna ad aver insegnato alla Sorbona e due volte premio Nobel, ha vissuto la sua vita con la convinzione dell’importanza della cultura quale fattore di miglioramento dell’individuo e della società.

Il Civil Rights Act compie sessant’anni: breve storia di un secolo di lotte

Il 2 luglio 1964 il presidente Lyndon B. Johnson firmava la legge che rendeva illegale la segregazione negli Stati Uniti. Ricordare questo evento non può che tradursi nel ripercorrere la storia del movimento per i diritti civili: dai tanti personaggi di spicco – come Martin Luther King, Rosa Parks, Angela Davis – alle persone i cui nomi sono rimasti nell’ombra ma il cui contributo è stato cruciale.